In vetrina a 3.000 euro, ma in fabbrica le sarte sono pagate 2 euro l'ora: il volto nero del Tac nel Salento

Domenica 18 Aprile 2021 di Pierpaolo SPADA

Due euro l'ora per lavorare un capo che in vetrina ne varrà 3mila. A volte anche di più. E che importa per la dignità di quella donna, l'ennesima, che oggi denuncia la sua vergogna su queste pagine. Nel lusso, il vizio è di casa e ciascun operaio è chiamato a piegarvisi, pena l'addio.
Tac del Salento, bellezza. La tradizione non mente, nemmeno quando rivela, da un secolo di moda, lo sfruttamento. Che, ridotto all'osso, si rimargina, come un...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 10:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA