Statale 275, Montesano sotto assedio: «Qui tremano i vetri di casa, fate presto con la strada»

Statale 275, Montesano sotto assedio: «Qui tremano i vetri di casa, fate presto con la strada»
4 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Novembre 2022, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 20 Novembre, 00:17

«La densità del traffico sull’attuale strada 275 che attraversa Montesano è micidiale, tremano i vetri delle finestre, tremano i letti in casa, le persiane mostrano grasso, è ormai una situazione invivibile». Il racconto di chi abita dirimpetto alla statale nel Comune di Montesano Salentino è impietoso. Il coro delle persone che si possono incontrare nella piazza e tra le strade del paese è unanime: «Occorre dare esecuzione subito al nuovo progetto, la statale di oggi è molto pericolosa». 

Video

Il sindaco in trincea: «Il commissario sblocchi la palude burocratica»

A raccogliere le lamentele ogni giorno da parte dei cittadini è l’amministrazione comunale e il sindaco Giuseppe Maglie che oggi fa un appello al commissario «affinché si sblocchi la palude burocratica dove siamo impantanati e si faccia questa nuova strada». Il primo cittadino racconta di come «il problema della statale 275 sia annoso» e venga «da lontano». «Da quando cioè ho cominciato nel 2003 a fare l’amministratore, all’epoca già si parlava della Legge Obiettivo e oggi siamo ancora fermi lì, si sta cercando di portare avanti il progetto definitivo con tante difficoltà. Io sono stato eletto sindaco nel 2018, in quell’anno ci recammo presso il Consiglio superiore dei lavori pubblici per l’approvazione del progetto definitivo, ma ora siamo nel 2022 e il definitivo non ha ancora i pareri necessari. Occorre dunque assolutamente trovare una soluzione in questa fase. I pericoli sono veramente tanti, qualche giorno fa sono accaduti incidenti uno dei quali mortale, proprio all’entrata di Montesano e altri incidenti all’interno del perimetro urbano». Il sindaco Maglie racconta come negli anni il Comune abbia cercato di mettere in sicurezza la 275 attuale: «Abbiamo realizzato rotatorie e semafori con photored, ma abbiamo soltanto attenuato il problema che a Montesano è serio e drammatico. Le vittime sono state tante, io stesso ho avuto una parente stretta deceduta anni fa. Vi è una intensità di traffico così importante, imponente, che comunque, al di là degli aspetti di sicurezza messi in atto, il pericolo e il rischio di incidente è sempre dietro l’angolo, quindi speriamo che si possa arrivare presto ad una definizione del problema». Da Montesano quindi si leva un appello al commissario Anas, Marzi: «Le istituzioni facciano il possibile per accelerare sul nuovo progetto, noi siamo in prima fila. Montesano è il comune che viene più penalizzato dal passaggio attuale della 275 - continua il sindaco -. Non è normale che quasi nel 2023 non si riesca ad uscire da una palude burocratica dove siamo andati ad impantanarci, un’opera così strategica e una infrastruttura importantissima per questioni di sicurezza stradale ma anche per questioni di inquinamento ambientale, non è normale che ci si è impaludati all’interno di quisquilie burocratiche e non si riesce più a procedere. Speriamo che il commissariamento possa dare una grandissima accelerata».

Le voci della gente: «Abbiamo visto morire troppe persone e rischiamo anche noi»

Concordano con il pensiero degli amministratori anche i concittadini: «Occorre fare subito la nuova strada, quella attuale è molto pericolosa, ci sono stati già decine di morti», dice Giuseppe Rizzo. Per Antonio Ferraro «le macchine sono migliaia al giorno e corrono pure, la nuova strada potrebbe essere molto importante». Rocco Verardo afferma che è «impellente l’esigenza di realizzare questa statale, oggi è pericolosissima, ultimamente sono successi incidenti gravi. Sarebbe la cosa migliore farla al più presto». «Facciamo fatica ad attraversare la strada, per andare da un punto all’altro, per esempio al bar di Montesano che si affaccia sulla 275 - racconta Luigi Verardo -. Ricordo che a palazzo Bitonti per ben tre volte anni fa vennero esposti i progetti della nuova strada, ma ora non ci sono più». Triste è il racconto di Donato Lecci che abita a pochi metri dalla statale: «Non si riesce a vivere più, la densità del traffico è micidiale, io quando guardo la finestra trovo grasso sui vetri, i vetri e il letto tremano al passaggio delle auto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA