L'inferno della 101: sette chilometri di code sulla Lecce-Gallipoli per un incidente. E la gente si ripara come può/Video

L'inferno della 101: sette chilometri di code sulla Lecce-Gallipoli per un incidente. E la gente si ripara come può
di Giuseppe ANDRIANI
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Luglio 2022, 20:56 - Ultimo aggiornamento: 21:09

E se andare al mare diventa un inferno? Qualcuno, tra i tantissimi automobilisti bloccati nel caos sulla Lecce-Gallipoli questa mattina, lo avrà pensato di certo. Anas aveva annunciato la rimozione dei cantieri sulla Ss101, ma nonostante nella giornata di oggi non si sia lavorato, il restringimento della carreggiata rimane così com'è. E di restringimenti ve ne sono due, uno all'altezza di Lequile e uno all'altezza dell'uscita Nardò-Galatone. Qui, per altro, in mattinata c'è stato un incidente: quattro feriti, due bambini e una mamma, in seguito a un tamponamento tra due auto. 

Video

Andando verso il capoluogo di provincia, la strada scorre tranquilla. Persino i restringimenti non presentano particolari problemi. O forse ci si è semplicemente abituati, visto che i cantieri sono lì ormai da diverso tempo. E ci vorranno ancora almeno un paio di settimane (l'obiettivo è rifare il guardrail centrale, per aumentare la sicurezza). Il vero inferno è per chi deve percorrere la strada andando verso Gallipoli, capitale del turismo estivo a livello nazionale e in questo weekend affollata ancor di più a causa di Battiti Live.

 

Andare al mare sullo Ionio, così, diventa un'impresa. Circa sette i chilometri di coda da affrontare sotto il sole, così come mostra il video: tra gente che si è riparata con i "parasole" che comunemente coprono i parabrezza delle auto parcheggiate e anche qualcuno che lamentava un malore (niente di serio). E per chi ha l'aria condizionata, forse il problema è relativo. Ma c'è anche chi ha pensato bene di scendere dall'auto, ma l'asfalto rovente ha fatto desistere dall'iniziativa. È la seconda domenica consecutiva di passione sulla via del mare. Così il bagno è di sudore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA