Bomba carta davanti allo studio del sindaco: «Gesto vile, non mi fermeranno»

Mercoledì 12 Febbraio 2020 di Maria DE GIOVANNI
Lo studio del sindaco dove è stata piazzata la bomba carta. L'ingresso è coperto con tavole di legno
Notte di paura nella Grecìa salentina, a Soleto, nel Salento. Alle 23,05 un boato ha rotto il silenzio: si trattava di una bomba carta esplosa in via Reginaldo Giuliani, davanti al civico 50, sede dello studio del commercialista Graziano Vantaggiato, sindaco del paese.



Sul posto sono immediatamente arrivati i carabinieri e la polizia di Stato per i rilievi di rito. E saranno proprio gli agenti di Polizia del commissariato di Galatina a occuparsi delle indagini.

«Gesti come questi sono da condannare, l'unico pensiero che ho avuto, fisso - ha commentato il sindaco Vantaggiato - è stato per la mia comunità, che considero come la mia famiglia. Sono rammaricato e dispiaciuto profondamente per la paura che l'esplosione ha generato. Non sono in grado di dire se questo getto vile fosse riferito al professionista o all'uomo, ma di certo non mi fermeranno mai. Continuerò a schiena dritta a lavorare per centrare gli obiettivi che mi sono prefisso». Vantaggiato è rimasto sul luogo dove è avvenuto lo scoppio fino alle 6 di questa mattina, insieme agli inquirenti. «Sono stanco - conclude - ma sereno».

«A Graziano, amministratore serio e capace, un abbraccio e la solidarietà mia e di tutto l'Ente provinciale». Lo scrive il presidente della Provincia, Stefano Minerva. «Lo conosco fin troppo bene - prosegue - e posso tranquillamente affermare che episodi del genere non scalfiranno mai il suo lavoro a servizio dei cittadini di Soleto». Ultimo aggiornamento: 12:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA