Settelacquare, c'è un altro contagiato Salvemini: «Il mercato non chiude»

Giovedì 29 Ottobre 2020 di Paolo CONTE

Sino a ieri i casi erano tre, ma dopo i tamponi effettuati a ventotto commercianti del Mercato Ortofrutticolo Settelacquare, i positivi al Covid-19 sono diventati quattro. All'addetto alle pulizie dei bagni (ricoverato presso il Vito Fazzi) e ai due coniugi che lavorano presso il mercato sito in via Cesare Abba (entrambi in isolamento domiciliare) si è aggiunto un positivo asintomatico per il quale è stato immediatamente disposto l'obbligo di isolamento domiciliare. «Il mercato al momento non verrà chiuso». Lo ha annunciato Carlo Salvemini attraverso il suo profilo Facebook dopo gli esiti dello screening. I tamponi a tappeto effettuati dal Dipartimento di Igiene della Asl hanno fugato molti dubbi, ma il primo cittadino ha sottolineato che Sulla base di un'attenta e rigorosa valutazione del rischio epidemiologico, di concerto con il dott. Alberto Fedele Direttore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della ASL, si è stabilito di sottoporre tutto gli operatori ad un doppio controllo da eseguire nei prossimi giorni - prosegue su Facebook -.

Gli stessi sono stati richiamati ad una stretta osservanza delle disposizioni di prevenzione vigenti: rispetto del distanziamento rispetto alla clientela, utilizzo di mascherina, impiego frequente di gel igienizzante». L'altro ieri, l'indiscrezione riguardante i tre casi di positività al coronavirus, aveva generato il panico tra i commercianti e lo stato di allerta della comunità. I tamponi sono stati eseguiti martedì scorso a tutti i commercianti del Mercato Settelacquare e, nel pomeriggio, la struttura è stata sanificata e igienizzata con l'ausilio della Monteco. Una notizia inattesa, però, che è sfociata nell'esposto alla Procura della Repubblica firmato dai consiglieri di opposizione di Palazzo Carafa, secondo cui la cittadinanza avrebbe dovuto avere il diritto di essere avvertita tempestivamente sull'accaduto. Inoltre - come scritto nell'esposto - il mercato doveva essere sottoposto a chiusura immediata per consentire i lavori di sanificazione. Parole scritte nel documento rivolte all'attenzione del procuratore Leone De Castris, che hanno fornito come capro espiatorio della vicenda l'amministratore locale e, nella fattispecie, il sindaco Salvemini. A stretto giro è arrivata la replica dell'assessore alle Attività Produttive Paolo Foresio, che ha ritenuto distorte le dichiarazioni avanzate dall'opposizione.
All'indomani della querelle, il sindaco ha provato a fare chiarezza per gettare acqua sul fuoco della paura, rassicurando la comunità sul noto social network: «Il mercato, che già nella già giornata di martedì è stato pulito, igienizzato e sanificato, non chiuderà. Si tratta di una decisione assunta con responsabilità e consapevolezza, adeguate e proporzionate alla situazione di rischio accertata -. Andiamo avanti uniti. Darò naturalmente conto nei prossimi giorni dell'evoluzione della situazione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA