Goleada del Lecce, insaziabile: travolge la Reggiana 7-1

Sabato 21 Novembre 2020 di Francesco BUJA

Il Lecce di Eugenio Corini travolge letteralmente la Reggiana e infila la terza vittoria consecutiva, dopo i successi ottenuti contro il Pescara (3-1 al Via del Mare) e la Virtus Entella (1-5 a Chiavari), guidando saldamente la classifica con 15 punti. I giallorossi firmano una goleada entusiasmante, con 7 gol (e una rete presa) che servono anche al morale della squadra, non solo alla classifica. In avvio di partita Coda traccia la rotta del match con due reti in pochi minuti. A completare l'opera nel primo parziale, è il gol fuori area di Tachtsidis.

In avvio di ripresa terza marcatura della giornata per Coda. Poi il gol dell'orgoglio della Reggiana confezionato da capitan Rozzio, ma Falco, Mayer e Calderoni chiudono la pratica per il Lecce.

 Il cambio di modulo in corsa è avvenuto in modo naturale, dal 4-3-3 di partenza infatti il Lecce è passato al 4-3-1-2 allo scopo di sfruttare al massimo tutto il potenziale offensivo messo a disposizione del tecnico Corini a conclusione di una campagna trasferimenti con i fiocchi. E il cambio, a quanto pare, ha dato i suoi frutti. 

Lecce (4-3-1-2): >Gabriel; Adjapong, Lucioni, Meccariello (10’ st Zuta), Calderoni; Paganini (1’ st Majer), Tachtsidis, Henderson (36’ st Liskowski); Mancosu; Coda (10’ st Falco), Stepinsk (26’ st Pettinari). In panchina: Bleve, Vigorito, Pierno, Gallo, Gianfreda, Maselli, Rodriguez. All. Eugenio Corini.
Reggiana (3-4-1-2): Venturi; Ajeti (1’ st Gyamfi; dal 23’ Kirwan)), Rozzio, Costa; Libutti, Rossi (19’ st Pezzella), Varone, Lunetta (9’ st Muratore); Radrezza (9’ st Cambiaghi); Mazzocchi, Kargbo. In panchina: Voltolini, Martinelli, Zampano, Zamparo, Espeche, Marchi, Gatti. Allenatore: M. Alvini.
Arbitro: Maggioni di Lecco.
Marcatori: nel pt 4’, 20’ Coda (L); 38’ Tachtsidis (L); nel st 5’ Coda (L); 13’ Rozzio (R); 24’ Falco (L); 30’ Majer (L); 39’ Calderoni (L).
Note: gara a porte chiuse. Ammoniti: pt 17’ Paganini (L); nel st 37’ Varone (R); 41’ Falco (L). Angoli: 2-7. Recupero: pt 0’; st 0’.

LA CRONACA DELLA PARTITA

Primo tempo

Fischio d'inizio alle 14. E dopo quattro minuti il Lecce è già in vantaggio sulla Reggiana: gol di Coda su assist di Mancosu, sfiorando - all'ottavo minuto di gioco - il raddoppio col sinistro di Mancosu, sempre lui. Palla fuori di un soffio. E al 20', Coda centra la doppietta, sempre su un'azione di capitan Mancosu: il Lecce è avanti di due gol.

Il primo tempo prosegue a ritmo sostenuto, con la Reggiana schiacciata nella sua metà campo da un Lecce che continua a spingere e che - va ricordato - dei 13 gol segnati fino a ora nel campionato di serie B, 10 li aveva messi a segno nel corso del secondo tempo.

Significativo il cross di Mancosu che Venturi intuisce e blocca, con una squadra giallorossa grintosa che intuisce le azioni dell'avversaria e le ribalta a suo favore. Primo giallo per Luca Paganini (Lecce), nettamente in ritardo su Fausto Rossi.

A bordo campo si scalda Leonard Zuta, difensore giallorosso. Dall'inizio del campionato 152 le conclusioni del Lecce: è la squadra che tira di più. Difficili al Via del Mare le giocate aree, per il meteo non clemente di oggi: vento forte e freddo umido.

Terzo gol per il Lecce: a rete, al 38' minuto di gioco, il greco Panagiotis Tachtsidis: è il suo primo gol in campionato. In panchina, intanto, si preparano Falco e Majer.

Al 40' reagiscono gli ospiti, ma il tiro di Ligutti è debole per impensierire Gabriel. Mazzocchi prova a insidiare il Lecce sul finale del primo tempo, non facile la risposta di Gabriel che blinda il parziale dei giallorossi con successo. Niente recupero, il fischio di Maggioni chiude il primo tempo al Via del Mare sul 3-0 per un Lecce extralusso.

Secondo tempo

Zero rischi per Corini, in questo secondo tempo: richiama in panchina Paganini, l'unico ammonito e in campo arriva Majer. Ricomincia il gioco. Sostituzione anche per la Reggiana: Alvini lascia Ajeti negli spogliatoi e mand in campo Gyamfi.

Arriva il quarto gol: è sempre Coda che attacca e segna, su assisti di Stepinski che percorre 40 metri di campo in solitaria e consente di far salire a quattro il pallottoliere giallorosso. Reggiana tramortita già all'inizio di questo secondo tempo.

Doppio cambio per Albini, che prova a giocarsi il tutto per tutto e dare un'inizione di fiducia ai suoi: Muratore per Lunetta e Cambiaghi per Radrezza. 

Sostituzione anche per il Lecce: Massimo Coda lascia il posto a Filippo Falco. Fuori anche l'acciaccato Meccariello, entra Zutha.

Orgoglio Reggiana che sugli sviluppo del tiro dalla bandierina segna il primo gol della partita. Lo firma il capitano Paolo Rozzio, su assist di Rossi. Anche per lui è la prima volta in campionato.

Al 63' terzo cambio per la Reggiana. Albini prova a giocarsi la carta della qualità con Salvatore Pezzella (classe 2000), che entra al posto di Fausto Rossi. Al 66' Albini è costretto a sostituire Gyamfi - portato via in barella dopo lo scontro con Tachtsidis - con Niko Kirwan.

Ed è 5 -1: Henderson per Falco, dopo una serie di finte, diagonale e palla in porta che sfila sotto le gambe di Venturi e finisce nell'angolino. 

Corini cambia ancora: occasione di gioco anche per Stefano Pettinari, che sostituisce Stepinski.

Al 71' gli ospiti non si arrendono e con Muratore costringono Gabriel a mandare la palla in angolo.

Quattro minuti dopo, al 75', Majer chiude il set dopo la ripartenza do Mancosu e va a segno con un desto a giro di prima. Lecce- Reggiana 6-1.

E con la rete di Calderoni, su assist di Mancosu, i giallorossi arrivano al 7 -1: insaziabili.

All'82' risponde la Reggiana con Cambiaghi da dentro l'area di rigore, palla fuori di poco. 

Nervosismo sul finale e coda polemica. All'86' cartellino giallo per Filippo Falco. 

E si chiude sul 7 -1.

 

Ultimo aggiornamento: 18:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA