Ancora uno sbarco in Salento: circa 104 migranti a Santa Maria di Leuca

La barca a vela di 16 metri giunta a Leuca con 104 migranti
La barca a vela di 16 metri giunta a Leuca con 104 migranti
di Luana PRONTERA
3 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Ottobre 2022, 19:37 - Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre, 08:41

Ancora uno sbarco nel porto di Santa Maria di Leuca intorno alle 18 del pomeriggio di oggi 28 ottobre. Gli scafisti sono fuggiti a bordo di un'altra imbarcazione prima di abbandonarla al limite delle acque territoriali italiane. Ad intervenire sono state le motovedette la Guardia Costiera di Gallipoli con due vedette, una di Otranto e una di Leuca, e della Guardia di finanza. Le procedure di soccorso hanno avuto inizio a seguito del mayday, segnale di immediata necessità e richiesta di aiuto. Le operazioni di soccorso sono state particolarmente complesse a causa dell’avaria al timone del natante, ormai ingovernabile, e del panico generale delle 104 persone a bordo. L’imbarcazione, probabilmente proveniente dal porto di Smirne in Turchia, trasportava nuclei famigliari con a bordo anche donne e bambini. Sul posto, ad attendere i migranti, c’erano i volontari della Caritas diocesana di Ugento Santa Maria di Leuca e della Croce Rossa oltre ad altre autorità preposte. 

Una barca a vela di 16 metri

Alle ore 18 il natante è arrivato nel porto di Santa Maria di Leuca, individuato quale Pod (Place of Disembarkation).  L’imbarcazione a vela, battente bandiera francese e denominata “Sea Sheperd” è lunga 16 metri.

Tre minori non accompagnati

Il soccorso si è concluso con il recupero di 104 cittadini extracomunitari (63 afgani, 38 raniani, 2 siriani e un iracheno): 78 uomini, di cui 10 minori (solo 7 accompagnati); 26 donne, di cui 9 minori (tutte accompagnate).  Ai tutti i migranti, apparentemente in buono stato di salute, è stata fornita la prima assistenza dal personale sanitario per il successivo accompagnamento nel centro di accoglienza Ttemporanea Don Tonino Bello di Otranto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA