Salvemini: «In città 16 casi. L'evoluzione del contagio è nelle nostre mani»

Mercoledì 18 Marzo 2020
Il sindaco Carlo Salvemini
«Vi informo che nel nostro comune al momento abbiamo 16 persone che risultano positivi Coronavirus, di cui solo 2 ricoverati, mentre gli altri sono in terapia domiciliare costantemente seguiti dai sanitari. 
Abbiamo inoltre 46 concittadini sottoposti a quarantena». Così il sindaco di Lecce Carlo Salvemini ha commentato gli ultimi dati aggiornati sulla diffusione del coronavirus sul territorio leccese. 

In vacanza con la pandemia, i carabinieri fermano dieci turisti siciliani: «Siamo qui per trascorrere il week end». Scatta la denuncia
Tre nuove postazioni di terapia intensiva all'ospedale di Casarano. Filograna dona 100mila euro. Il Gruppo Morelli tre ventilatori al Fazzi

«In questi giorni stiamo percorrendo la fase ascendente di quella curva che vediamo spesso rappresentata nei resoconti televisivi e nelle analisi che restituiscono la dinamica del contagio. Come ci spiegano gli epidemiologi incaricati di affiancare le istituzioni regionali e nazionali nella gestione dell’emergenza, l’aumento che registriamo in questi giorni è un fenomeno previsto. Ed è proprio in ragione di esso - ha commentato il primo cittadino - che a tutti noi è stato chiesto di trascorrere queste settimane restando in casa. Meno occasioni di contagio offriamo al Coronavirus – che viaggia sulle nostre gambe e si trasmette da persona a persona – prima riusciremo a frenare la crescita dei numeri e a far entrare la curva in una fase di stabilizzazione e poi, si spera, discendente».

Un "bilancio" che è stata anche l'occasione per far arrivare a tutti i cittadini messaggio di vicinanza in un momento comprensibilmente difficile. «Siamo tutti parte di una comunità coesa, che oggi più che mai deve sentirsi solidale - ha dichiarato Salvemini - L'evoluzione del contagio è nelle nostre mani. Spetta a noi - con il rigoroso e scrupoloso rispetto delle misure imposte dal Governo - contribuire a rallentarne la propagazione. Spetta a noi essere parte di questa battaglia. Lo stiamo già facendo. Dobbiamo e possiamo farlo ancora meglio».
  Ultimo aggiornamento: 21:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento