Salento, tutto pieno per Ferragosto su treni e aerei

Salento, tutto pieno per Ferragosto su treni e aerei
di Maurizio TARANTINO
5 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 09:25

l Salento si scopre sold out a Ferragosto. Ma differenza dello scorso anno, i turisti non hanno assaltato i siti online di prenotazione di treni, aerei e bus per il resto dei prossimi 15 giorni. 
Il pienone infatti, come era prevedibile, si è indirizzato per i giorni clou delle vacanze - questo weekend, per intenderci - lasciando pochi spiragli per chi vuole partire in tempo per passare qualche giorno di vacanze nelle località turistiche salentine. 

Il fenomeno va avanti da inizio stagione

È lo specchio di un fenomeno che va avanti dall’inizio della stagione, con una diminuzione drastica delle presenze testimoniato appunto dai posti rimasti liberi sulle principali direttrici di collegamento subito dopo Ferragosto. E per chi viaggia in treno e in aereo i ritardi ormai sono all’ordine del giorno come testimoniano le tante segnalazioni sui social: un esempio è stato il ritardo di oltre 3 ore e mezza del Frecciargento 8315 proveniente da Roma lo scorso 10 agosto. Ma anche chi viaggia in aereo non se la passa bene, dovendo fare i conti con le endemiche carenze di personale: in questo caso non solo ritardi ma anche voli annullati e passeggeri costretti ad aspettare il giorno dopo prima di potersi imbarcare con grave ripercussione sulle vacanze. «I problemi ci sono stati - commenta Francesco D’Agata dello Sportello dei Diritti - e abbiamo avuto diverse segnalazioni. Con Trenitalia però l’azione dei consumatori è limitata: in caso di ritardi partono indennizzi automatici stabiliti dalle condizioni di viaggio. Non c’è risarcimento in caso di perdita di un appuntamento importante, di una cerimonia o di una coincidenza. Per quanto riguarda gli aerei, i problemi sono stati maggiori nella prima parte della stagione soprattutto per degli scioperi del personale delle low cost». 

I numeri e i costi dei treni

Da una rapida ricerca sul web, il ridotto “appeal” del territorio leccese, a cui forse è stato preferita qualche meta estera più economica, salta subito agli occhi. Se si esclude, come detto, questo fine settimana. Inesistenti infatti le possibilità di arrivare nel Salento a metà mattinata da Roma partendo domenica mattina con il treno o con i bus. I biglietti disponibili permettono di giungere a destinazione solo in tarda serata oltre le 23, pagando con un Frecciargento almeno 75 euro. Per il resto si è obbligati a fare dei pit stop sommando il trasferimento in bus con quello in treno. Va meglio per chi, last minute, cerca un viaggio dalla Capitale verso Lecce: ancora disponibili a 85 euro i treni che sbarcano intorno alle 13 o alle 15 ma sono in via di veloce esaurimento. 

Molto più conveniente organizzarsi per la settimana ventura, partendo sabato 20 agosto, con la possibilità di prenotare un viaggio a 45 euro per sempre in serata intorno alle 23 a Lecce. Domenica 21 agosto il ventaglio di offerte è ancora maggiore con l’arrivo nel Salento alle 14 o alle 17 con poco meno di 60 euro. 
Ancora più bassi i prezzi per chi decide di trascorrere gli ultimi scampoli di vacanza agostana nella parte terminale della Puglia: partire il 27 o il 28 agosto da Roma costa non più di 40 euro. Non molto diversa la situazione per chi parte dalla direttrice adriatica. Lecce è off limits per chi intende salire su un treno già stasera o domani al massimo se non con prezzi superiori ai 90 euro senza fare cambi. Ma i biglietti sono ormai in via di esaurimento totale.
Già più abbordabile la spesa dal 20 agosto in poi per i passeggeri milanesi: con un esborso di 88 euro, salendo in vettura alle 7 del mattino possono essere nel Sud alle 20. Stesso prezzo per chi si decide di pianificare per tempo magari partendo il 27 agosto, pagando al massimo 90 euro. 

I voli

Per quanto riguarda i voli invece i posti sono disponibili ma sono poco low cost. Partire da Roma domani per raggiungere Brindisi infatti costa almeno 80 euro con Ita Airways e 64 con RyanAir anche partendo in mattinata alle 11. Cambia tutto se si aspetta almeno una settimana prima di raggiungere le agognate spiagge salentine. La compagnia irlandese offre a 24 euro la tratta che atterra alle 23.05 e a 54 euro quella che invece tocca il suolo alle 12.35. Ancora più ampio il ventaglio per gli ultimi vacanzieri d’agosto i quali con solo 14 euro possono ottenere l’imbarco scendendo dalla scaletta alle 23. Con 39 euro invece possono anticipare l’arrivo con Ryanair alle 12.30. 
Uno scenario simile per i viaggiatori in partenza da Milano. Entrare in aereo domenica 14 è costoso (oltre 80 euro) ma non impossibile, arrivando a Brindisi anche in tempi dignitosi cioè entro le 16. Crollo verticale della spesa se si sceglie di partire il 20 agosto: 25 euro per il volo serale, addirittura 40 per chi punta a gustare il Salento già dalle 12. Voli quasi regalati ai turisti più attenti alle tasche: un volo Ryanair preso il 27 agosto costerebbe massimo 13 euro se fatto in serata, 23 per la tratta diurna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA