Salento, altro sbarco di migranti con un bambino grave

Lo sbarco a Leuca
Lo sbarco a Leuca
2 Minuti di Lettura
Sabato 15 Ottobre 2022, 08:53 - Ultimo aggiornamento: 10:31

Hanno navigato nella tempesta che si è abbattuta nella serata di ieri nel Mediterraneo con a bordo un bambino in condizioni di salute precarie. E per questo sono stati soccorsi dalla motovedette della Capitaneria di Porto di Gallipoli. Attorno a mezzanotte 96 migranti sono stati fatti sbarcare nel porto di Santa Maria di Leuca.

Minori a bordo

Molti minori a bordo (quasi tutti egiziani). Per il resto provengono in prevalenza dall'Afghanistan, Siria, Palestina ed Egitto. Ci sono anche curdi dell'Iran e dell'Iraq, una donna afghana incinta di otto mesi, un bambino in cattive condizioni di salute, nonchè palastinesi da Gaza. A dare loro soccorso sanitario, cibo, bevande calde e coperte anche i volontari della Caritas di Ugento-Santa Maria di Leuca.

Condizioni meteo avverse

La presenza del natante che li trasportava, una barca a vela di 20 metri, è stata segnalata ieri mentre i militari della Guardia costiera hanno soccorso un'altra barca, a vela anche questa, di 15 metri, a 14 miglia ad Est da Leuca, con a bordo 66 migranti. Provenienti dalla Grecia sia l'una che l'altra imbarcazione, l'ultima si trovava a 24 miglia a Sud Est di Leuca, in mare aperto o con onde alte quasi due metri. Nonostante il motore funzionasse, i passeggeri hanno chiesto più volte di essere soccorsi poiché la barca soffriva in modo preoccupante il sovraccarico di quelle quasi 100 persone a bordo.

Indagini sugli scafisti

Sono state inviate anche le motovedette del comando di Otranto e dell'fficio locale marittimo di Leuca. La barca è stata sequestrata, sono in corso accertamenti su chi la conducesse. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA