Salento, apre un salone di bellezza per bambine dai 4 agli 11 anni. Parla lo psicologo

La titolare pronta ad aprire anche altre sedi

Salento, apre un salone di bellezza per bambine dai 4 agli 11 anni. Parla lo psicologo
di Luana PRONTERA
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Marzo 2022, 12:53 - Ultimo aggiornamento: 31 Marzo, 18:24

Una giornata in centro benessere? Adesso ci potranno andare anche le più piccole. Si trova a Nardò, nel Salento, il primo Beauty Baby aperto in Puglia. Si tratta di un vero e proprio salone di bellezza dedicato alle più piccole. L’offerta è varia: manicure, pedicure, massaggi viso e corpo, maschere di bellezza profumate al cioccolato, all’ananas, allo yogurt in base alla stagione. I trattamenti vanno da una semplice limata di unghie e passata di smalto alla festa di compleanno a tema bellezza. A commentare l'iniziativa della giovane imprenditrice salentina è Alessandro Gennaro, psicologo clinico. Professore Associato presso il Dipartimento di Psicologia Dinamica, Clinica e salute di Sapienza- Università degli studi di Roma. «Mi preoccupa il senso con cui il genitore porta la figlia dall'estetista. Insegnare ad un piccolo o una piccola ad aver cura del proprio corpo è un aspetto importante - commenta -. La cura di sé può essere affrontata come un gioco o come una performance».

Salone di bellezza per bambine, lo psicologo: «Insegnare ad aver cura di sé è importante»

La titolare

«L’idea è nata lavorando nel centro di ricostruzione unghie di mia madre vedendo le bimbe delle clienti estasiate da glitter e smalti - ci spiega la titolate Tatiana Caputo, 33 anni di Nardò – In un mondo dominato dai social, l’autostima è sempre in calo, anche e soprattutto nelle giovanissime. Vorrebbero essere alte, magre e perfette come le icone che vedono attraverso lo smartphone ma la verità è che sono tutte belle se imparano ad amarsi e a prendersi cura di se stesse».

Il centro, aperto tre anni fa ma bloccato dalle chiusure legate alla pandemia, ha ripreso la sua attività da poco: «Abbiamo in programma di aprire altre tre sedi a Lecce, Porto Cesareo e Gallipoli le ultime due saranno esclusivamente dedicate al beauty baby - afferma la titolare – i genitori hanno reagito positivamente, durante le feste a cui assistono e nelle quali interagiscono, sono emozionati. Spesso le mamme vengono a fare dei percorsi con le figlie. È per loro un momento di condivisione importante».

Il beauty baby di Tatiana, è il primo spazio di questo tipo aperto in Puglia.  Un primato che condivide con la madre Ivana Mauro, imprenditrice nel modo dell’estetica che, trent’anni fa, aprì il primo salone di ricostruzione unghie in provincia di Lecce.  

 

La clientela

«Le clienti hanno da 4 a 13 anni e durante le feste allestiamo un vero e proprio red carpet di moda con abiti di negozi del territorio perché per noi è importante creare rete e fare rete - continua la Caputo – siamo anche attrezzati per il beauty baby wedding e ci spostiamo per offrire i nostri servizi anche in posti diversi dalla nostra sede – e ci tiene a precisare - tutti i prodotti che utilizziamo sono biologici e adatti ai bambini».

È un fatto che beauty baby e beauty party, di tradizione statunitense, dividono da sempre l’opinione pubblica tra favorevoli e contrari. «Le critiche le mettiamo sempre in conto e se sono costruttive fanno anche bene – conclude Tatiana - il nostro intento è benevolo e vorremmo fare di tutto per far passare un messaggio importante cioè che nessuna bambina deve sentirsi brutta, mai e per nessun motivo al mondo».

Critico il frontman dei Sud Sound System, Fernando Blasi, al secolo Nandu Popu. 
«Tutti i bambini sono belli, a prescindere. Semmai di brutto possono avere i genitori, se questi sono incapaci di accettarsi e di vivere come esseri umani. Il disagio di non sentirsi belli e quindi di non sentirsi accettati ha vari significati, tra questi il più devastante è quello di sentirsi talmente inferiore da dover elemosinare un giudizio altrui. La bellezza va ricercata soprattutto nell'umanità di cui siamo pregni, ergo i genitori dovrebbero imparare dai propri figli a mantenere la purezza spensierata di ogni fanciullo e non farlo invecchiare troppo precocemente... Ma scusatemi se scrivo ovvietà, non credevo che un giorno avrei potuto soffermarmi su questi argomenti. Mi fermo per riflettere. O per dimenticare l'assurdità di questa notizia.
Lasciate stare i saloni di bellezza e raccontate ai vostri figli una favola, sarete più belli anche voi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA