Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Muore dopo aver contratto il covid: non si era sottoposto al vaccino

Muore dopo aver contratto il covid: non si era sottoposto al vaccino
2 Minuti di Lettura
Domenica 5 Dicembre 2021, 19:19 - Ultimo aggiornamento: 23:28

Non si era voluto vaccinare e ha contratto il virus. Il covid ha avuto la meglio su un 70enne di Parabita, comune in provincia di Lecce. Fatale è stata la cena di San Martino trascorsa con degli amici - almeno altri tre non vaccinati, ora sotto stretta osservazione, si sarebbero contagiati durante la stessa cena - le sue condizioni si sono aggravate e l'uomo è morto nelle scorse ore al Dea Fazzi di Lecce dove era ricoverato da giorni. 

Agli amici ripeteva spesso che non era convinto dell'efficacia del vaccino e per questa ragione aveva scelto di non vaccinarsi. Il 70enne salentino era in pensione da qualche anno dopo aver gestito nel Sud Salento un calzaturificio. Era conosciuto in paese e considerato una persona buona e generosa che oggi lascia la moglie e due figli.

Il sindaco di Parabita

«Leonardo non ce l'ha fatta ad avere la meglio sul covid-19 - scrive Stefano Prete il primo cittadino di Parabita sulla sua pagina facebook - Purtroppo, le sue condizioni si sono presentate gravi sin dal primo momento. Questa notizia ci rattrista profondamente e ci porta con il cuore vicino ai suoi famigliari.  Ricordiamo sempre che, contro questa brutta pandemia, le uniche armi a nostra disposizione per vivere una vita normale sono la forza protettiva del vaccino ed il rispetto delle misure anti covid-19».

Gli attuali positivi a Parabita sono 22, ricorda il primo cittadino sui social, ed interessano in tutto 9 famiglie. Gli stessi hanno sintomi non gravi e, in alcuni casi, sintomi inesistenti.

I funerali

I funerali si svolgeranno martedì 7 dicembre,  nella la chiesa “Sant’Antonio Abate” alle 15.

© RIPRODUZIONE RISERVATA