Salento, mareggiate di forte intensità e raffiche di vento: danni a barche e pericolo sul lungomare

Salento, mareggiate di forte intensità e raffiche di vento: danni a barche e pericolo sul lungomare
3 Minuti di Lettura
Martedì 22 Novembre 2022, 14:59 - Ultimo aggiornamento: 16:36

Mareggiate di forti intensità da questa mattina in Salento a causa delle forti raffiche di vento. A Gallipoli il Comune ha disposto la chiusura al transito del lungomare Galileo Galilei perché invaso dall'acqua del mare. E anche a Porto Cesareo il lungomare della riviera di Levante è stato invaso dalla mareggiata con l'acqua che ha coperto la sede stradale. Si teme per la sorte di tante barche da pesca ormeggiate nel porticciolo. La mareggiata, con onde di 3-4 metri e vento forte da sud anche superiore ai 60 km/h, ha inghiottito anche gli arenili.

Porto Cesareo

Sale la paura a Porto Cesareo e con essa si ingrossa il mare di "Puertu Picciu", lo storico porto naturale sito di fronte all'Isola grande o dei conigli, dove da sempre sono ancorate le piccole imbarcazioni dei pescatori professionisti di Porto Cesareo. Hanno paura che la libecciata prevista con la massima forza a partire dal pomeriggio di oggi possa danneggiare i loro mezzi di lavoro. I pescatori sono preoccupati ed hanno paura che possa ripetersi il disastro ambientale che il 13 novembre del 2019, con mareggiate fortissime sospinte da venti di "ostro" prima e "libeccio" poi ingoiarono tutto causando danni ingentissimi sui litorali dell'area marina protetta jonica.

Video

Santa Caterina

Le mareggiate hanno divelto un muretto del lungomare della marina di Nardò. Fortunatamente non si registra alcun danno a persone. Impossibile camminare lungo il tratto che costeggia il litorale: il vento forte e il mare in tempesta non invitano ad uscire di casa.

Carmiano
 

A causa del forte vento un palo della luce è caduto su un'abitazione rimanendo incastrato sul terrazzo. Per fortuna nessun danno a cose o persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA