Salento, la giornalista Stefanelli cittadina onoraria di Botrugno

La giornalista Barbara Stefanelli
La giornalista Barbara Stefanelli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 11:15 - Ultimo aggiornamento: 11:16

La giornalista Stefanelli cittadina onoraria a Botrugno: «Devo tantissimo a questa terra così ricca di bellezza».

La storia

Da Botrugno fino alla grande metropoli Milano, solcando in treno la Puglia, «interminabile», e il resto della penisola italiana. Il lungo viaggio su rotaia è la metafora che racchiude la carriera della giornalista Barbara Stefanelli, nata nel capoluogo lombardo da genitori originari di Botrugno, paese in cui ha trascorso parte della sua infanzia. Lo stesso borgo che ieri ha voluto manifestarle vicinanza e affetto assegnandole la cittadinanza onoraria. Nel ricevere dalle mani del sindaco Silvano Macculi e del viceprefetto Beatrice Mariano, l'onorificenza deliberata dal Consiglio comunale botrugnese, la Stefanelli ha confessato, nel corso di un dialogo appassionato con il direttore del Nuovo Quotidiano di Puglia Rosario Tornesello, di essere riuscita ad attraversare dagli anni '90 in poi tutti i vari gradini della carriera giornalistica che l'hanno condotta fino al prestigioso ruolo che oggi ricopre: quello di vicedirettrice vicaria del Corriere della Sera e di direttrice del settimanale 7.

Le parole della giornalista


«Mi sento di esprimere gratitudine infinita per Botrugno e per tutto il Salento, devo tantissimo a questa terra così ricca di bellezza e così variegata», ha detto la Stefanelli emozionatissima, quasi con lo stesso stato d'animo che la avvolse nel momento della nascita della propria figlia. Donna di carattere, determinata, con la passione per la professione giornalistica nelle vene, Barbara Stefanelli nel suo dialogo pubblico ha elencato e dettagliato i temi dell'attualità che le stanno più a cuore: dall'ambiente ai giovani, dai diritti individuali delle persone alle nuove forme di democrazia diretta, dalla crisi climatica fino all'urgenza di garantire investimenti per lo sviluppo della personalità di ciascuno.
Un discorso a tutto tondo, dunque, che ha elevato Botrugno e il Salento, e al tempo stesso ha nutrito mente e orecchie dell'uditorio. «Siamo orgogliosi dei traguardi raggiunti da Barbara - ha detto il sindaco Macculi -. Insieme ai suoi familiari e ai concittadini di Botrugno siamo lieti di poterle conferire la cittadinanza onoraria, tenendo anche conto dell'attività giornalistica svolta e del suo impegno civile e delle sue battaglie in difesa delle donne, per le quali ha ottenuto riconoscimenti nazionali e internazionali. Con questo atto vogliamo inoltre che rimanga stabile nel tempo il suo legame con il Comune».
D.Nuz.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA