Salento, Leo Shoes produce a Casarano la borsa "Lady Dior"

L'accessorio di alta moda che nei negozi parte da un prezzo minimo di 4.500 euro

Salento, Leo Shoes produce a Casarano la borsa "Lady Dior"
di Enzo SCHIAVANO
5 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 28 Marzo, 10:09

Iniziata a marzo scorso la produzione di pelletteria di lusso all’interno del sito industriale di “Leo Shoes” di Casarano, il gruppo presieduto da Antonio Filograna-Sergio. È infatti, pienamente operativa la “Manifattura Salento AF”, la terza unità produttiva del gruppo, che si pone come riferimento per l’outsourcing dei top brand del lusso, a cominciare da Dior. È la nuova sfida dell’imprenditore salentino che lo ha annunciato pochi giorni fa sul proprio profilo social, corredando l’annuncio con una ventina di foto scattate all’interno del nuovo capannone industriale.

L'annuncio sui social


«Due anni fa avevamo un sogno... oggi quel sogno è realtà». Questo l’incipit del post che annuncia l’avvio della nuova produzione. «Dopo “Leo Shoes” e “Antonio Filograna” la nuova sfida: “Manifattura Salento AF”. Calzature e pelletteria – ha commentato l’imprenditore - con umiltà, impegno, sacrificio e sopratutto con tanta passione tutto è possibile. Credere nel lavoro, nel futuro e sopratutto nei nostri collaboratori sono le nostre ambizioni e motivazioni. Un grazie particolare a tutti coloro che hanno reso questo sogno possibile». Questo il breve annuncio di Filograna-Sergio per l’avvio della produzione di pelletteria e anche di calzature di lusso della terza società del gruppo.
Esaustiva la documentazione fotografica a corredo del post. Più di 20 scatti che documentano la fase della lavorazione del prodotto (sembrerebbe la borsa “Lady Dior” che nei negozi parte da un prezzo minimo di 4.500 euro) e il gruppo di dipendenti e management della nuova società. Insomma, il sogno di affiancare alla produzione di calzature per le griffe anche la pelletteria di lusso, che fino a qualche anno fa sembrava utopia in questo territorio, anche perché il Salento non ha tradizione su questo tipo di manifattura, ora è diventata realtà. La “Manifattura Salento AF” (dove “AF” sta per Antonio Filograna, fondatore dell’industria calzaturiera) è partita con una sessantina di dipendenti, tutti di primo inserimento, e con una commessa di grande prestigio (Dior).

Gli obiettivi


Con “Manifattura Salento AF” Filograna-Sergio punta ad affinare le competenze e le realizzazioni del gruppo “Leo Shoes” nel mondo della pelletteria. Con Dior, marchio mondiale della moda, il gruppo lavorava già in outsourcing nella produzione di calzature. La scorsa estate Maria Grazia Chiuri, direttore creativo del marchio francese, insieme a una delegazione del brand, era venuta a Casarano e aveva fatto visita alla sede del gruppo, incontrando naturalmente anche Filograna-Sergio. È facile intuire che in quell’occasione, oltre a visionare la produzione di calzature, si siano definiti i dettagli della commessa per la produzione di borse.
«Nel nostro territorio non abbiamo una tradizione legata alla pelletteria – ha dichiarato l’imprenditore alla rivista specializzata “La Conceria” - ma è un ambito complementare alla calzatura. Ritengo che dare un servizio completo al mondo del lusso sia importante. Questo è il primo progetto, sperando di poterlo ampliare. La pelletteria, in termini di vendita e di commercializzazione – ha sottolineato Filograna – rappresenta un core business per il mondo del lusso e fa da traino agli altri ambiti. Io cerco di cogliere un segnale del mercato. Le prospettive sono buone e io mio auguro che questa possa essere un’evoluzione».

Moda, tessuti e ricami del Salento nella collezione Dior: una storia di emancipazione

Il personale


Il personale si è formato all’interno con l’aiuto di aziende partner. È una scelta precisa dell’imprenditore nella logica di far crescere tutto il territorio. Attualmente le tre aziende del gruppo hanno 1.200 dipendenti che diventano 2.500 con l’indotto. “Leo Shoes” è tra le prime tre imprese salentine per fatturato e una delle più importanti in assoluto nel settore Tac. Nata dalle ceneri degli storici “Calzaturifici Filanto”, l’impresa fondata da Antonio Filograna padre adottivo di Antonio Filograna-Sergio, l’attività della “Leo Shoes” partì nel 2011 con l’obiettivo di produrre calzature di lusso per conto dei grandi brand della moda mondiale. Era come partire da zero, eliminando più di mezzo secolo di conoscenze e di competenze di un prodotto del tutto differente. La scelta si è rivelata vincente perché “Leo Shoes” in questo decennio ha costruito un modello: oggi rappresentaun’azienda che ha investito in tecnologia e in ricerca e ha intrapreso uno sviluppo sostenibile, fondamentale per essere competitivi nel mondo del lusso.

 

Dior: dopo la sfilata al Duomo, l'essenza del Salento e il fascino della maison al ritmo della taranta - VIDEO

© RIPRODUZIONE RISERVATA