Salento, traffico droga: non ci fu aggravante mafiosa. Tutte le pene

Salento, traffico droga: non ci fu aggravante mafiosa. Tutte le pene
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Dicembre 2022, 17:17 - Ultimo aggiornamento: 17:18

Solo droga, niente mafia. Cade l’aggravante, ma fioccano comunque le condanne al termine di un processo con rito abbreviato che ha riguardato un presunto gruppo di “specialisti” della droga attivo a Ugento e dintorni. La sentenza è stata emessa dal gup Sergio Tosi: nove anni e nove mesi la pena più alta, a dispetto di richieste che arrivavano fino a 21 anni.

Tre anni di reclusione sono stati inflitti a Vincenzo Minicozzi, di Ugento, che era ritenuto un esponente di vertice della compagine. Poi otto anni a Giuseppe Pierri e nove anni e nove mesi a Radames Trianni. Due gli assolti.

Il blitz

Il blitz risale al novembre dello scorso anno. Undici furono gli arresti in carcere e dieci ai domiciliari eseguiti dai carabinieri della compagnia di Casarano e della stazione di Ugento, nell’inchiesta condotta con il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia della Procura di Lecce, Carmen Ruggiero.

Le pene

Queste le pene decise, nel dettaglio, tenendo conto dello sconto di un terzo della pena previsto dal rito: Diego Antonio Caputo, sei mesi; Salvatore Caputo, quattro mesi; Cosimo Luigi Catino un anno e otto mesi; Matteo Congedi, quattro anni e sette mesi; Daniele Deiana, nove mesi; Alessio Forte, sei mesi; Marco Manco, quattro mesi; Annalisa Molle, un anno e un mese; Vincenzo Minicozzi, tre anni; Christian Angelo Pierri, un anno e un mese; Emanuel Giuseppe Pierri, otto anni; Angelo Pizzi, sei mesi; Anselmo Antonio Trianni, quattro mesi; Miriam Trianni, un anno e quattro mesi; Radames Trianni, nove anni e nove mesi. Assolti Antonio Bleve, Luigi Petrachi. Le difese sono sostenute dagli avvocati Raffaele Benfatto, Ladislao Massari, Veronica Merico, Paolo Cantelmo, Stefano Stefanelli, Biagio Palamà, Mario Coppola, Roberto D’Ippolito, Giuseppe Presicce, Alberto Ghezzi, Rocco Vincenti, Ezio Garzia, Marco Macagnino, Francesca Conte, Francesco Fasano, Stefano Prontera, Laura Petrachi, Marco Costantino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA