Notte di paura a San Cataldo: in tre picchiano e rapinano un uomo

Martedì 18 Agosto 2020

Rapina nella notte a San Cataldo, dove in tre, con il volto coperto da una mascherina chirurgica gli agenti della Questura di Lecce, hanno tratto in arresto nella flagranza di reato Marco Murati, di 18 anni di Lecce, Pierre Bartoccioni, di Tricase e Benjamin Dali, originario della ex-jugoslavia, entrambi 20enni, poiché responsabili del reato di rapina aggravata in concorso ai danni di un 58enne leccese.  

Verso le ore 2 di questa notte, nei pressi della darsena, l'uomo è stato aggredito e derubato della sua Fiat Grande Punto. Secondo il suo racconto, intorno all'una di notte, una volta arrivato nei pressi del faro di San Cataldo per una passeggiata, è stato raggiunto da tre persone con il volto coperto da una mascherina chirurgica, che lo hanno trascinato fuori dalla sua autovettura colpendolo con calci e pugni per poi rapinarlo di orologio e borsa a tracolla e allontanarsi con la sua vettura. 
Sul posto per soccorrere il malcapitato anche personale 118 che lo ha trasportato in ospedale con ferite guaribili in 30 giorni.

La fiat Grande Punto è stata rinvenuta poco dopo nei pressi della stazione di Lecce regolarmente chiusa. 
Poiché, nelle vicinanze abita uno degli uomini corrispondenti alle descrizione fornite, gli agenti hanno deciso di perquisire la sua abitazione: l'uomo aveva con sé carte e bancomat della vittima. All’interno dell’autovettura gli agenti rinvenivano la restante parte degli oggetti personali rapinati, eccetto l’orologio, il telefono cellulare ed il denaro.
Per l'uomo, marco Murati, è scattato l'arresto. Lo stesso ha poi permesso alla polizia di rintracciare i due complici. Dalla analisi dei messaggi telefonici dell’arrestato emergevano circostanze utili a determinare la premeditazione dell’azione da parte dei tre uomini, nonché il coinvolgimento di un quarto uomo sulle cui tracce sono ora gli inquirenti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA