Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Prendeva il sole sul balcone: 32enne trovata morta

L'ambulanza
L'ambulanza
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Giugno 2020, 20:19 - Ultimo aggiornamento: 21:13

Giallo sulla morte di una 32enne a Nardò. La ragazza, di origini polacche, che viveva con un'amica, nel primo pomeriggio di oggi aveva deciso di approfittare della bella giornata e del sole forte per concedersi un po' di tintarella dal balcone di casa. Così, si era stesa lì per qualche minuto. Probabilmente ha accusato un calo di pressione, perché quando è rientrata in casa ha detto di sentirsi molto male.

Non ci sarebbe stato molto tempo per soccorrerla, la donna si sarebbe accasciata subito a terra. Immediati i soccorsi, ma i medici dell'118, giunti in ambulanza, non hanno potuto fare nulla per rianimarla. Per lei era già troppo tardi: non respirava più. I sanitari hanno comunque stabilito che dovrebbe trattarsi di una morte naturale. 

Sul luogo della tragedia, in via Acquaviva, sono però arrivati anche i carabinieri della locale stazione e della Compagnia di Gallipoli, guidati dal capitano Francesco Battaglia, che hanno avviato le indagini per risolvere quello che, almeno inizialmente, sembrava avere tutti i contorni di un mistero. Hanno controllato che la serratura dell'ingresso dell'abitazione non fosse stata forzata, hanno chiesto chi ci fosse in casa al momento della tragedia: domande e soppralluogo da prassi, in caso di tragedie come questa.

L'ipotesi al momento più probabile è comunque che si sia trattato di una morte naturale. In ogni caso, il corpo della donna è stato trasportato nella camera mortuaria dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce, dove si attende di sapere se il magistrato di turno, informato dell'accaduto, disporrà l'autopsia e le analisi per comprendere se la donna avesse magari assunto alcol o altre sostanze che, unite al forte sole, potrebbero aver causato il malore fatale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA