Torna la paura per le Rsa: 26 contagi in due diverse strutture del Salento. Chiuso per sanificazione anche il bar dell'ospedale Fazzi

Giovedì 19 Novembre 2020

Ventisei casi di Covid-19 in tutto, in due diverse Residenze socio assistenziali del Salento. In  particolare, sette positivi sono stati accertati fra i dipendenti di una Rsa di San Pietro in Lama e cinque tra gli ospiti, tutti asintomatici. La sezione della struttura che ospita gli anziani malati è completamente isolata dal resto, con un monitoraggio continuo della situazione parte del personale e degli infermieri in servizio. Una seconda Rsa, la Marangi di Lecce, lungo la strada che conduce alla marina di San Cataldo, conta altri 14 contagiati: 4 casi positivi fra gli ospiti e 10 fra il personale. 

Torna così, anche nel Salento come nel resto d'Italia, la paura per le Rsa, dove nel corso della prima ondata della pandemia si sono riscontrati numerosi focolai, con decine di contagi e di morti. 

Contagiato un anziano ospite di una Rsa nel Salento: è allarme. Emiliano: «Piano anti-Covid e tavolo con i prefetti, non possiamo permetterci nuovo lockdown»

Soleto, la morte silenziosa di anziani nella casa di riposo: vittima un'altra donna. La Asl: «Certificati 88 contagi». Morto 47enne a Copertino

Chiuso per sanificazione il bar all'interno dell'ospedale Vito Fazzi, a Lecce, dopo un caso accertato di Covid-19 fra i titolari. Lo ha stabilito la Asl, con un provvedimento di mercoledì 18 novembre. In isolamento fiduciario tutti i contatti stretti, in attesa di tampone. Fino ad allora l'esercizio resterà chiuso. 

Nessun problema, invece, per il bar all'esterno della struttura, proprio vicino all'ingresso dell'ospedale, che continua a lavorare ed è aperto.

 

Ultimo aggiornamento: 20 Novembre, 14:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA