Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«C'è un pacco per lei alle Poste». Si presenta per il ritiro e viene arrestato: è accusato di violenza sessuali su molte bambine

«C'è un pacco per lei alle Poste». Si presenta per il ritiro e viene arrestato: è accusato di violenza sessuali su molte bambine
di Katia PERRONE
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Aprile 2021, 12:16 - Ultimo aggiornamento: 17:38

Arrestato un pedofilo salentino su mandato internazionale. Era convinto di andare a ritirare un pacco presso l’ufficio postale ed invece si è ritrovato con le manette ai polsi. Ad attenderlo allo sportello non c’erano i dipendenti delle Poste, ma i carabinieri. Un 39enne di Gallipoli - W. D. le iniziali - è staarrestato ieri dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Gallipoli diretti dal capitano Beatrice Casamassa. 

Le ragazze violentate 

Sulla sua test pendeva un mandato di arresto europeo della polizia tedesca, emesso per violenza sessuale aggravata su minori e lesioni personali. Si tratta di reati commessi in Germania dove, emigrato per motivi di lavoro, aveva vissuto 7 anni durante i quali avrebbe commesso le violenze ai danni di una decina di ragazze tutte minorenni. 

Il nascondiglio nel Salento

Per sfuggire alla cattura era rientrato in Salento, dove viveva con i genitori e i fratelli, fino a ieri almeno, quando, dopo un turno di lavoro impiegato come piastrellista in un’azienda di Parabita, ha preso tra le mani l’avviso di notifica per il ritiro del pacco e si è diretto alle Poste. Un escamotage che, dopo averlo individuato al termine di un’attività di indagine, hanno utilizzato i militari della Compagnia della cittadina ionica, che hanno aspettato che arrivasse nell’ufficio postale per arrestarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA