Danni celebrali al bimbo durante il parto:
2 milioni alla famiglia dall'Asl

Danni celebrali al bimbo durante il parto: 2 milioni alla famiglia dall'Asl
1 Minuto di Lettura
Venerdì 18 Maggio 2018, 23:23

Dopo oltre 20 anni di processi e ricorsi, ad una famiglia di San Cesario è stato riconosciuto un risarcimento danni di due milioni di euro per i danni celebrali causati al figlio quando venne alla luce a luglio del 1980 nell’ospedale di Nardò. Due milioni che dovrà versare l’Asl.
Lo hanno stabilito i giudici della sezione Promiscua della Corte d’Appello civile di Lecce, facendo loro le conclusioni a cui erano giunti i giudici della Corte di Cassazione: il 9 giugno di due anni fa annullò le sentenze di primo grado di appello che avevano escluso qualsiasi responsabilità dei medici che visitarono la donna in ospedale e che l’assistettero durante il parto.
Quelle lesioni al nenoato hanno poi condizionato la vita del bambino, del ragazzo e dell’uomo che oggi ha 38 anni, ha detto la sentenza di condanna. «Questa famiglia ha avuto finalmente giustizia contro la Asl di Lecce», le parole del collegio difensivo composto dagli avvocati Francesca Conte, Marida Damiano, Roberta Rollo e Denise Berio». «Un risarcimento di oltre due milioni di euro che, tra rivalutazione monetaria ed interessi arriva a circa quattro milioni di euro potrà consentire una vita diversa a questo giovane ed alla sua famiglia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA