Parcheggio all'ospedale, da lunedì si pagherà. L'assessore: «Uno scempio, ecco le prove della sosta selvaggia»

Mercoledì 15 Gennaio 2020

«Spesso leggo di preoccupazioni per i parenti dei pazienti, alle quali purtroppo il più delle volte non diamo seguito con azioni coerenti. Se ci preoccupassimo veramente, non occuperemmo gli stalli per persone con disabilità, non occuperemmo il passaggio sugli scivoli e sugli attraversamenti pedonali, saremmo rispettosi del personale che effettua interventi d'emergenza lasciando libero il passaggio alle autoambulanze». A scriverlo in un post condiviso su Facebook, l'assessore alla Mobilità del comune di Lecce, Marco De Matteis. L'amministratore ha scelto di intervenire dopo critiche e polemiche seguite alla presentazione dell'accordo con la Asl che, a partire dal prossimo lunedì, porterà una riorganizzazione della sosta dentro e fuori dal nosocomio, con strisce blu e controlli dei vigili per scongiurare la sosta selvaggia.

Parcheggio dell'ospedale, fra sei giorni sarà a pagamento: vigili pronti alle multe

E proprio per documentare quale fosse la situazione che ha convinto Asl e Palazzo Carafa a fare fronte, De Matteis ricorda di aver fatto un sopralluogo e scattato numerose fotografie. «Per porre fine a questo scempio, l'azienda sanitaria e l'amministrazione hanno siglato un protocollo d'intesa nel 2017 al quale abbiamo dato seguito realizzando dei nuovi parcheggi su Via Gino Rizzo, abbiamo modificato e ripristinato tutta la segnaletica sul piazzale antistante il presidio ospedaliero e realizzato degli stalli blu con sosta tariffata».
 

 

«Il prossimo 20 gennaio - conclude - avvieremo il nuovo piano della sosta tariffata, l'invito è quello di non dare obolo ad eventuali "parcheggiatori" che dovessero continuare a chiedere un contributo. Noi vigileremo affinché anche questo fenomeno venga eliminato definitivamente».

Ultimo aggiornamento: 18:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA