Sosta con cinque nuove App: on line anche gli abbonamenti

Martedì 12 Novembre 2019 di Francesca SOZZO
Strisce blu
La rivoluzione della sosta viaggia attraverso la tecnologia. Lecce, con la società partecipata Sgm srl ha infatti decisio di avviare il percorso di liberalizzazione del mercato delle applicazioni che consentono di pagare la sosta grazie allo smartphone.
Così da ieri alla già presente EasyPark si aggiungono anche le app di PayByPhone, Telepass Pay, ParkAppy, myCicero e DropTicket. Starà all'utente decidere quella da utilizzare per usufruire dei numerosi servizi che le applicazioni consentono e non solo per la sosta.

La novità: pagare i soli minuti effettivi di parcheggio (fermo restando la tariffa minima consentita nelle varie zone), prorogando o anticipando la fine della sosta a pagamento in città. Come si evita la multa? Gli ausiliari del traffico avranno a disposizione un dispositivo smartphone grazie al quale, inquadrando la targa dell'auto, saranno immediatamente a conoscenza se l'utente sta pagando la sosta e con quale app. La strada dell'innovazione poi porterà «alla smaterializzazione dei permessi gratuiti per i residenti o dell'acquisto dell'abbonamento - ha spiegato il direttore di Sgm Ugo Guacci - Non sarà più necessario recarsi al City Terminal per ritirarlo, ma tutto si potrà fare on line». E di più: Sgm mira alla possibilità di pagare con smartphone anche i ticket per i bus.

“Falsi” pass per parcheggiare l'auto fuori dallo stadio: i vigili scovano 70 furbetti
Ztl, giro di vite sui pass: nel mirino i residenti

I nuovi servizi sono stati presentati ieri mattina dal direttore di Sgm Guacci in una conferenza stampa a cui hanno preso parte anche il sindaco Carlo Salvemini, il suo vice Alessandro Delli Noci, l'assessore al Traffico e alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis e poi Andrea Zamboni (PaybyPhone), Pasquale Marciano (TelepassPay), Bernardo Catania (EasyPark) e Massimoa Raganelli (MyCicero).

«Condividiamo quanto sia importante qualificare l'offerta del servizio dell'utenza - ha dichiarato il sindaco Carlo Salvemini - Offrire modalità d'uso diverse da quelle ormai note che siano facilmente friendly» che consentirà a tutti di utilizzare facilmente l'app. «Il numero degli operatori sta a significare quanti passi avanti siano stati compiuti e quanto importante sia la sosta all'interno delle politiche della mobilità. É un piacere constatare come tutti gli operatori abbiano deciso di offrire oltre alla sosta anche servizi connessi di arricchimento della piattaforma».

Dal punto di vista politico, ha invece sottolineato il sindaco, questo sta a significare «che nonostante la scadenza di Sgm, fissata al 31.12.2020 non siamo fermi ma continuiamo a operare e a fare investimenti». Il ringraziamento alle aziende arriva anche dal vice sindaco e assessore all'Innovazione tecnologica Alessandro Delli Noci che auspica che l'utilizzo di queste tecnologie possano contribuire anche al recupero di «dati real time del bus urbano che quella del tiketing». Con queste app poi si archivierà definitivamente la questione del grattino scaduto. «Questo sistema elimina questo problema».

«Non possiamo non accogliere con entusiasmo questa tipologia di servizi tecnologici, digitali e innovativi - ha dichiarato l'assessore al Traffico e alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis - che garantiscono, oltre alla comodità per il cittadino nel pagamento della sosta, anche la possibilità in futuro un maggior monitoraggio delle aree di sosta. Noi come amministrazione stiamo partecipando ad un bando del Mit grazie al quale abbiamo chiesto supporti tecnologici per poter monitorare anche i parcheggi di scambio. In un'ottica di sviluppo futuro del Pums, queste app saranno strumenti importanti che agevoleranno il nostro lavoro». © RIPRODUZIONE RISERVATA