Ospedale, parcheggi occupati dal pubblico, fuori medici e infermieri: sit in di protesta. «Pronti ad andare dal prefetto»

Venerdì 21 Febbraio 2020
L'assemblea dei dipendenti del Fazzi
Dipendenti dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce sul piede di guerra e pronti all'agitazione. La questione strisce blu a pagamento all'esterno del nosocomio cittadino ha creato un effetto boomerang anche all'interno del recinto ospedaliero. Con i dipendenti - 2500 quelli che lavorano al Fazzi tra sanità pubblica e Sanità service - costretti a girare per ore per trovare un parcheggio.

Caos parcheggi all'ospedale: multe a raffica. I sindacati: «Insufficienti i posti per i dipendenti»
Parcheggio dell'ospedale, fra sei giorni sarà a pagamento: vigili pronti alle multe

Questa mattina, nell'ambito di un'assemblea dei lavoratori aderenti a Cgil, Cisl, Uil e Fsi Usae, i sindacati hanno nuovamente messo nero su bianco la necessità di garantirsi un parcheggio custodito all'interno del recinto ospedaliero. La questione è stata «più volte sollecitata - ha dichiarato Francesco Perrone, segretario territoriale di Fsi Usae - ma l'azienda non ci ha mi risposto». Le richieste: «Dotare i dipendenti di un pass da esporre in auto». Il rischio, quando va bene, è di ritrovare la multa sul parabrezza dell'auto, in alternativa di non trovare l'auto perché rimossa, «o rubata, come spesso accaduto. Da quando si è dato seguito a questa convenzione i vigili urbani fanno il parapiglia all'interno dell'ospedale, forse come è giusto che sia se le auto non sono parcheggiate in maniera corretta», prosegue Perrone. Di più: si rischia, non trovando posto, di arrivare anche tardi al lavoro.  «Noi abbiamo comunicato all'azienda il nostro stato di agitazione e se anche in questo caso non avremo risposta dalla Asl - conclude Perrone - andremo a manifestare davanti alla Prefettura».
  Ultimo aggiornamento: 19:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA