Muore dopo l'aborto in ospedale, al Fazzi gli ispettori del Ministero della Salute

Muore dopo l'aborto in ospedale, al Fazzi gli ispettori del Ministero della Salute
di Andrea TAFURO
3 Minuti di Lettura
Lunedì 26 Settembre 2022, 18:14

Ispettori del Ministero della Salute e del Nirs (nucleo ispettivo regionale sanitario) tra le corsie del “Vito Fazzi” di Lecce per fare luce sulla morte di una donna 24enne della Guinea ma residente a Monteroni, nel nord Salento, avvenuta lo scorso 14 giugno nel capoluogo leccese. La doppia “visita” sarebbe avvenuta nelle scorse settimane. Gli ispettori mandati da Roma e da Bari, avrebbero scandagliato documenti e cartella clinica della donna, morta in ospedale, dove pochi giorni prima avrebbe abortito su consiglio dei medici perché la gravidanza (era incinta al quarto mese) stava mettendo a repentaglio la sua stessa vita.

La ricostruzione dei fatti

Nei fatti, il 26 maggio, dopo l'ennesimo malore, la 24enne è stata ricoverata nel reparto di Ginecologia del “Fazzi” dove progressivamente le sue condizioni si sarebbero aggravate finché il 10 giugno i medici avrebbero deciso di farla abortire per salvarla. Anche dopo l'aborto, però, il quadro clinico non sarebbe migliorato e il 14 giugno la donna è morta. Da qui, ne scaturì la denuncia del marito e l’apertura di un’inchiesta della Procura di Lecce.
Nel mezzo arrivò anche il chiarimento dell’Asl Lecce, «La donna, al quarto mese di gravidanza, è giunta nel Presidio Ospedaliero accusando malessere generale. Ricoverata nei Reparti di Ostetricia e Ginecologia, Neurologia e Rianimazione e trattata da una équipe multidisciplinare di operatori, considerata la rarità e la complessità del quadro clinico che fin dall'esordio aveva interessato più organi. L'interruzione di gravidanza – hanno precisato dall’Asl - è avvenuta naturalmente il 10 giugno, a causa delle critiche condizioni di salute della donna e non per decisione dei medici». Intanto però gli ispettori del Ministero e Nirs hanno voluto vederci chiaro e sono tornati in ospedale a Lecce, per avviare un’inchiesta interna e verificare eventuali responsabilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA