Uccide la madre e si lancia dal nono piano: muoiono insegnante di Lecce e la figlia. Il dolore a scuola

Domenica 5 Luglio 2020
Luana Antonazzo, docente 60enne di Lecce e che, ormai da anni, insegnava al liceo scientifico De Giorgi di Lecce, è stata uccisa questa mattina dalla figlia 30enne, Chiara Rollo, a Torino, al civico 37 di corso Racconigi. La Antonazzo sarebbe stata accoltellata dalla figlia, che si è poi tolta la vita lanciandosi dal nono piano della abitazione. 


A dare l'allarme, il fidanzato della giovane che - a quanto si apprende - nella notte avrebbe ricevuto i messaggi di aiuto inviati dalla madre, già agonizzante. L'uomo ha chiamato la Polizia, che ha raggiunto la casa e assistito al suicidio della 30enne. All'arrivo delle ambulanze del 118, per le due donne, non c'era più nulla da fare.



A ricostruire l'accaduto e tentare di capire cosa abbia scatenato la furia omicida e autodistruttrice, saranno gli agenti delle Volanti e della squadra Mobile di Torino. Secondo le prime informazioni trapelate, Chiara Rollo avrebbe sofferto di problemi psichiatrici. Studiava Ingegneria dei Materiali al Politecnico di Torino, dopo una prima fase di studio, nella stessa disciplina, all'Università del Salento. La madre, invece, insegnava Matematica al Liceo Scientifico De Giorgi e aveva anche un altro figlio. 

Sgomenta la preside del Liceo, Giovanna Caretto: «Una docente esemplare e sempre presente, siamo increduli di fronte a questo strazio». Ultimo aggiornamento: 23:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA