Omicidio-suicidio, i due bimbi non sanno ancora nulla: la Asl attiva il supporto psicologico

Omicidio-suicidio, i due bimbi non sanno ancora nulla: la Asl attiva il supporto psicologico
di Roberta GRASSI
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Giugno 2022, 07:34 - Ultimo aggiornamento: 21:58

I bimbi non sanno ancora che mamma e papà non ci sono più. Per rispondere alle loro domande, è stato detto loro che l'allontanamento si è reso necessario per via del Covid. Il piccolo ha appena due anni, la grande sette e sarà necessario per entrambi un supporto psicologico. Gli esperti consigliano di raccontare loro una verità al più presto, perché possano elaborare l'assenza. Il vuoto che si protrarrà, purtroppo, per il resto della loro vita.

La Asl di Lecce si è attivata: «Siamo impegnati da anni nel contrasto alla violenza di genere e abbiamo prontamente attivato la rete antiviolenza e i suoi servizi specialistici, con i pediatri d famiglia, in cooperazione con i Servizi sociali, per la protezione dei due figli minori di 2 e 7 anni».

Il protocollo operativo

C'è infatti un protocollo operativo che si chiama Giada previsto nel caso di «orfani speciali di femminicidio». Si tratta proprio di uno strumento dedicato a coloro che rimangono senza genitori in circostanze drammatiche di questo tipo. Il percorso sarà lungo e complicato. Ma il meccanismo di tutela si è attivato in tempi rapidissimi. Bisogna affrontare una tempesta: la pioggia di commenti sui social, che lascia il segno. Le immagini che scorrono in tv. I funerali, l'addio. Il vuoto. I due piccoli di casa, molto legati al fratello maggiore, che pure potrà disporre di aiuto se lo riterrà, dovranno continuare ad andare a scuola, a danza, a fare sport.

Al loro fianco, in queste ore, ci sono gli zii e i nonni materni e paterni che si sono stretti in un unico, forte, abbraccio. Pur nella disperazione, si stanno occupando di loro. La mamma di Donatella, appresa la notizia, ha accusato un malore. Si attende ora il nulla osta della procura, per la celebrazione dei funerali che saranno fissati nelle prossime ore e per cui si prevede una folla di persone.

In tanti stanno rivolgendo parole di affetto a tutti i parenti, frasi che rievocano momenti felici trascorsi con la coppia e con i figlioletti. A loro va il pensiero di tutti, ai più piccoli e fragili: «Vengono messe in campo - spiega la Asl - tutte le iniziative utili previste dal manuale operativo della Regione». Sono stati allertati i centri specialistici per la Cura del Trauma interpersonale e altri centri di riferimento. Una equipe sanitaria specializzata che si interfaccia con i servizi sociali. «Sarà cura della Asl - è precisato - seguire ogni sviluppo del caso». Nei giorni a venire, dovrà anche essere stabilito l'affidamento dei minori, con un atto formale. Lo faranno i magistrati, scegliendo la soluzione migliore perché i bimbi non siano privati dell'affetto di nessuna fra le persone di famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA