Omicidio Sonia Di Maggio, ergastolo all'assassino reo confesso. I giudici: «Aggravanti: possesso, premeditazione e futili motivi»

Omicidio Sonia Di Maggio, ergastolo all'assassino reo confesso. I giudici: «Aggravanti: possesso, premeditazione e futili motivi»
3 Minuti di Lettura
Martedì 15 Febbraio 2022, 10:57 - Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio, 14:44

La Corte d'Assise di Lecce ha inflitto l'ergastolo a Salvatore Carfora, 39 anni, originario di Napoli,  con l'accusa di avere ucciso l'ex fidanzata Sonia Di Maggio, la giovane ammazzata con 31 coltellate l'1 febbraio dell'anno scorso a Specchia Gallone, in provincia di Lecce. Fu femminicidio, ha dunque stabilito la sentenza di primo grado.

Le accuse e la richiesta di ergastolo

Nel dispositivo della sentenza il presidente Pietro Baffa (a latere il giudice togato Francesca Mariano ed i gioudici popolari)  hanno riconosciuto la sussistenza delle aggravanti del delitto commesso ai danni di una persona sottoposta ad atti persecutori, ossia "dell'abnorme stimolo del possesso"; e della premeditazione in quanto era partito da Napoli già armato di coltello; e dei futili motivi. Per questo il opubblico ministero della Procura di Lecce in mattinata ha chiesto  ha chiesto la condanna al carcere a vita a cui si sono associati gli avvocati Vincenzo Blandolino e Gennaro Gadaleta, legali dei parenti della ragazza di Rimini uccisa a 29 anni mentre era in compagnia del nuovo compagno. Carfora inoltre  stato condannato all'isolamento diurno di un anno ed al pagamento delle spese legali, delle spese di detenzione in carcere nonché del risarcimento dei danni in sede civile.

Video

La difesa

L'insussistenza delle aggravanti è stata invocata dall'avvocato difernsore Cristiano Solinas e di conseguenza, una pena congrua anche alla luce della confessione dell'imputato.

Video

Il delitto

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, Carfora uccise l'ex fidanzata dopo averla vista col nuovo compagno e dopo averle inviato sul telefonino diverse minacce di morte. La vittima era già stata vittima di vessazioni e minacce correlate alla gelosia dell'uomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA