Noemi, seppellita viva a 16 anni e offesa nell'onore. «Non era una brava ragazza»: condannati per diffamazione i genitori del killer

Venerdì 16 Aprile 2021
A sinistra Noemi Durini. A destra, Lucio Marzo

Un anno al padre e sei mesi alla madre di Lucio Marzo, condannato in via definitiva a 18 anni ed 8 mesi di carcere per avere ucciso, il 3 settembre del 2017, la 16enne di Specchia Noemi Durini, sotterrandola ancora viva sotto a un cumulo di pietre nelle campagne di Castrignano del Capo. Biagio Marzo e Rocchetta Rizzelli, 65 e 56 anni, di Alessano, sono stati condannati per diffamazione dal giudice della prima sezione penale del Tribunale di...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA