Nardò, pitbull libero per strada: aggredisce due passanti. Poi la cattura. Caccia al padrone

Mercoledì 21 Luglio 2021 di Cinzia FERILLI

Un esemplare dall’aspetto sano, curato e ben nutrito, ma capace di attaccare e azzannare con spaventosa ferocia. Sono convinti che non si tratti di un randagio, gli agenti della polizia locale di Nardò, al lavoro per cercare di risalire all’identità del proprietario del pitbull che martedì sera ha seminato il panico per strada nella periferia della città. 
Tutto ha avuto inizio intorno alle 20.30, quando il cane, che vagava da solo tra le vie che costeggiano la strada provinciale 359 che conduce a Galatone, nelle vicinanze del Centro per l’impiego di via Sanpietroburgo, ha incrociato per strada un uomo e si è scagliato contro azzannandolo ad un braccio. Non si sa se qualcosa l’abbia infastidito o se si sia sentito minacciato. Quel che è certo è che il malcapitato ha riportato una ferita all’arto, per la quale ha dovuto fare ricorso alle cure mediche del pronto soccorso più vicino.

 

Il secondo attacco


La vicenda, però, non è finita lì. La scena si è ripetuta a stretto giro. Questa volta a farne le spese è stata una donna, che stava portando a spasso il suo cagnolino. Il pitbull li ha incontrati ed ha attaccato, ferendo la signora che molto probabilmente ha tentato di difendere il suo cucciolo. Il cane ha graffiato e morso la malcapitata, procurandole ferite al volto e alle mani, per poi tentare di nuovo di allontanarsi. Stavolta però sulla sua strada ha incrociato gli agenti della polizia locale, allertati dopo il primo episodio, e le guardie zoofile che, con non poche difficoltà e mezzi di fortuna, sono riusciti a bloccare il cane fino all’arrivo del personale veterinario della Asl di Lecce.
Il molossoide, che è risultato privo di microchip, è stato condotto nel canile, in attesa di fare luce sulla vicenda. Gli agenti, sotto la guida del tenente colonnello Cosimo Tarantino, stanno cercando di risalire all’identità del padrone, poiché convinti che non si tratti di un randagio visto l’ottimo stato del cane. Le vittime dell’aggressione non hanno ancora sporto denuncia, ma probabilmente lo faranno nelle prossime ore. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA