Muore a 66 anni e dona cuore, reni fegato e cornee

Muore a 66 anni e dona cuore, reni fegato e cornee
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Maggio 2024, 19:56 - Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 07:07

Una donna di 66 anni, morta nel Reparto di Anestesia e Rianimazione del Vito Fazzi di Lecce per emorragia cerebrale, ha donato cuore, reni, fegato e cornee. La donna aveva dichiarato in vita il consenso alla donazione di organi e tessuti.

Il prelievo ha impegnato gli operatori del Reparto di Anestesia e Rianimazione, diretto dal Dott. Giuseppe Pulito, gli operatori del Gruppo operatorio, coadiuvati da Medici di diverse discipline, e dalla Direzione medica del Vito Fazzi. Coordinatrice ospedaliera del percorso di donazione organi e tessuti è la Dott.ssa Donatella Mastria.

Sono diverse le modalità per esprimere, in vita, il proprio volere sulla donazione post-mortem.

Come esprimere la volontà di donazione

La dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio o del rinnovo della carta d'identità in Comune appresenta oggi il principale canale con cui i cittadini possono esprimere in vita la propria volontà.

La scelta può essere anche comunicata ad associazioni di volontariato come Aido-Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (https://aido.it/) o alla ASL di appartenenza.

Per contattare l'ufficio preposto di ASL Lecce occorre scrivere a donazioneorgani@asl.lecce.it. È possibile inoltre compilare il tesserino del Centro Nazionale Trapianti (https://sceglididonare.it/wp-content/uploads/2021/03/CNT-tessera-donazione-edit.pdf) o il tesserino blu del Ministero della Salute, o una delle ‘donor card’ distribuite dalle associazioni di settore. In questo caso è necessario stampare la tessera e conservarla nei propri documenti personali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA