Madre single: il 12,86 per cento delle mamme salentine cresce da sola i figli.

Madre single: il 12,86 per cento delle mamme salentine cresce da sola i figli.
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Febbraio 2019, 12:13
Madre single: il 12,86 per cento delle mamme salentine cresce da sola i figli. L'altra faccia della denatalità. Percentuale alta che si allinea sostanzialmente a quella italiana pari al 15,8 per cento: il totale del Paese, ci dice l'Istat, pari a 1 milione 34 mila del totale dei nuclei familiari con figli minori. Una percentuale, quella registrata in provincia di Lecce, che sarebbe stata impensabile 20 anni fa. Forse anche solo 10 anni fa.
Dunque, il fenomeno è in continua crescita anche nel Salento. E le mamme sole sono più dei papà single salentini: solo il 2,62 per cento, anche se anche loro sono in aumento.
Nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di donne separate o divorziate, poco meno di un terzo non sono sposate, una piccolissima percentuale riguarda donne che hanno perso il marito. Il report sulle madri sole, pubblicato da Istat qualche settimana fa, analizza il fenomeno nel tempo e ci dice che dal «1995-1996 sono notevolmente aumentate le madri nubili (dal 18,9% al 34,6%) e diminuite molto le madri vedove (dal 22% al 7,9%)».
Essere single, oltre a essere una condizione non sempre accettata di buon grado, comporta anche maggiori difficoltà dal punto di vista economico. Delle mamme italiane single, nel 2016, lavora solo il 63,8 per cento, il 24,4 per cento è inattiva, l'11,8 per cento è disoccupata. «Rispetto al 2006 la quota di occupate ha subito una forte riduzione per effetto della crisi (era il 71,2 per cento). La condizione economica delle madri sole èn critica: quelle in povertà assoluta sono l'11,8 per cento del totale, a rischio di povertà o esclusione sociale sono il 42,1 per cento e nel Mezzogiorno arrivano al 58 per cento».
E il quadro del disagio è da libro Cuore o da romanzo verista: «Più della metà delle madri single non può sostenere una spesa imprevista di 800 euro e neanche una settimana di vacanza. Quasi una su 5 è in ritardo nel pagamento delle bollette, affitto e mutuo. E altrettante non possono riscaldare adeguatamente l'abitazione». E ne risente anche il tempo che è possibile dedicare ai propri figli perché le single sono costrette a lavorare di più e, quindi, sono lontane da casa per un tempo più lungo rispetto a chi vive in coppia, come pure il tempo libero è quasi una chimera.
© RIPRODUZIONE RISERVATA