Rapine in trasferta a Macerata, condannati due salentini

Giovedì 17 Marzo 2022
Un momento della conferenza stampa sugli arresti, al centro il colonnello Nicola Candido

Sei anni e quattro mesi di reclusione sono stati inflitti a Luigi Felice ed Antonio Conte, 37 anni entrambi, il primo  di San Donato e l'altro di Lecce, con l'accusa di due tentate rapine ed una consumata nelle Marche. La sentenza è stata emessa ieri dal giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Macerata, Claudio Bonifazi, con la riduzione di un terzo della pena prevista dal rito abbreviato.

Cerignola, sventato assalto da 80 milioni di euro a istituto di vigilanza privata di Brescia: arrestati 31 rapinatori

Evasione e rapine a raffica

I fatti si riferiscono a settembre dell'anno scorso quando i due salentini evasero dalla  comunità Arcobaleno di Lecce per  collezionare quattro rapine in provincia di Lecce - questa l'accusa - e altre tre (due solo tentate) nelle Marche.  I due scapparono dalla comunità in cui si trovavano ai domiciliari per precedenti rapine  e subito, in piazzale Rudiae, armati di coltelli,  rapinarono un uomo costringendolo a consegnare cellulare, soldi e il Fiat Doblò a bordo del quale  viaggiava. Con quel  furgoncino, nella stessa serata, misero a segno altre due rapine: la prima a Caprarica, avvicinando due persone che erano a bordo della loro auto e costringendole, sempre dietro la minaccia dei coltelli, a consegnare tutto il denaro che avevano con loro. La seconda rapina attorno all’1.30 al ristorante Fish and Gin bistrot di San Donato. Magro il bottino che, in questo caso, riuscirono a farsi consegnare dai tre dipendenti presenti a quell’ora: appena 40 euro. Così, mentre già i carabinieri del comando provinciale di Lecce avevano visionato le telecamere di sorveglianza della zona stavano dando loro la caccia, i due realizzarono un ulteriore colpo, questa volta in pieno giorno. Attorno alle 10 del mattino fecero irruzione nell’Eurospin di Campi, a quell’ora pieno di clienti, e minacciando i cassieri con i coltelli svuotarono le casse, portando via circa 800 euro.

Spesa nel supermercato e botte ai cassieri per non pagare. Arrestati

Nelle Marche

Poi hanno fecero perdere le  tracce, per ricomparire  a Montecorsaro, in provincia di Macerata. Il metodo sempre lo stesso: con un coltello in mano e il volto coperto da passamontagna bianchi realizzati in maniera artigianale,  minacciarono un tabaccaio, intimandogli di consegnare l’incasso. Ma l’uomo  reagì brandendo un bastone e i due se la diedero a gambe levate e a mani vuote. La telecamera riprese tutto e le immagini consentirono  ai carabinieri della compagnia di Civitanova Marche (il comando provinciale è guidato dal colonnello Nicola Candido, ex comandante del Noe di Lecc e e della compagnia di Tricase) , agli ordini del capitano Massimo Amicucci, di mettersi sulle loro tracce. I militari estrapolarono dai filmati la targa parziale del Doblò e, confrontandosi con i colleghi del comando leccese,  riuscirono a capire che si trattava del mezzo rapinato due giorni prima a Lecce.
Ancora non lo sapevano, ma i rapinatori avevano le ore contate quando, tentarono di rapinare un supermercato in un paese vicino. Anche in questo caso andò male: la cassiera riuscì a scappare e i numerosi clienti si  scagliarono  contro, costringendoli a fuggire a mani vuote.

Rapina in tabaccheria con il taglierino: il titolare rimane ferito. In carcere un 48enne con precedenti

I fermi

A questo punto, però, ai carabinieri era già chiaro chi fossero i due rapinatori: i militari avevano notato che i due si muovevano bene nelle stradine secondarie del territorio ed avevano ipotizzato che alla guida ci fosse una persona che conosceva la zona. Bastò un rapido controllo per avere la conferma: uno dei due sospettati in passato era stato ospite in una comunità del posto e aveva avuto modo di conoscere bene il territorio. A questo punto non restava che individuarli e fermarli. Ma i due fecero in tempo a tentare un altro colpo, questa volta portandolo a segno e fuggendo con un bottino di 450 euro: individuarono un tabaccaio nel comune di Montelupone e, con i volti coperti da mascherine e coltello in mano, si fecero consegnare l’incasso per fuggire poi verso Porto Recanati. È qui che i carabinieri li individuarono: videro il furgone ed attesero fino a che i due non si avvicinarono er salire a bordo. A questo punto i militari li bloccarono. Sottoposti a fermo e accompagnati in carcere. Nel Doblò,  c’erano i coltelli, gli abiti e i due passamontagna bianchi utilizzati per commettere le rapine. Ieri la condanna di primo grado per i fatti contestati nel comprensorio di Macerata.

Ultimo aggiornamento: 15:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA