Libretti postali dormienti, chiusura forzata. Ecco come recuperare i soldi

Martedì 3 Maggio 2022

I libretti postali dormienti saranno chiusi. L'annuncio arriva da Codacons Lecce che invita i titolari dei libretti postali a verificare se rientrino o meno tra quelli sottoposti a chiusura con la conseguente perdita dei soldi depositati. C'è tempo fino al 21 giugno, termine oltre il quale non sarà più possibile recuperare i soldi.

Il Codacons

Dal 21.06.2022 molti libretti cosiddetti dormienti, ovvero non movimentati negli ultimi dieci anni, entreranno nella disponibilità di Consap e saranno definitivamente chiusi.
Poste Italiane nel seguente link: libretti-dormienti.html?fbclid=IwAR0CE--erHXyklzWi69bGrCaPGTNh6zPCZl1dDJI6qwrSNb0xvfj9Q2cVkc indica quali siano i libretti e le posizioni interessate dalla chiusura.

Stesso prezzo ma meno prodotto nelle confezioni. La denuncia di Codacons a Procure e Antitrust


L'avvocato Cristian Marchello, Responsabile della Sede Codacons di Lecce, invita tutti i cittadini a verificare i documenti in loro possesso al fine di recarsi in un ufficio postale prima della fatidica data, effettuando una qualsiasi data oppure rispondendo entro 180 giorni alle comunicazioni che Poste Italiane stanno inviando in questi giorni.
Superato il termine del 21.06.2022, infatti, non sarà più possibile recuperare i soldi per intervenuta prescrizione.

Vaccini over50: arrivano le sanzioni dal Ministero. Ecco cosa fare per chiedere l'annullamento

Si tratta, come è evidente, di cifre che nel complesso possono raggiungere anche il miliardo di euro, infatti ad una prima sommaria analisi dei dati presenti sul sito di Poste Italiane le posizioni interessate dalla estinzione potrebbero essere svariate migliaia con importi che potenzialmente potrebbero essere anche molto interessanti calcolando anche i relativi interessi.


 

Ultimo aggiornamento: 4 Maggio, 19:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA