Psicosi Coronavirus: musicista costretto a sottoporsi ai test
E sulle chat gli audio che avvisano di non andare al Fazzi

Lunedì 27 Gennaio 2020 di Alu
LECCE - La paura del Coronavirus rischia di sfociare in una vera e propria psicosi. Nei giorni scorsi infatti un musicista salentino rientrato dalla Cina, da un tour nella regione dello Wuhan insieme alla cantante che ha fatto scattare l'allarme la settimana scorsa all'ospedale di Bari, è stato infatti letteralmente obbligato dai genitori dei bambini a cui insegna musica a sottoporsi ai controlli. Pena la diserzione delle lezioni.
Il malcapitato, quindi, pur non presentando alcun sintomo sospetto, si è visto costretto a recarsi in ospedale, a Lecce, per farsi visitare al fine di rassicurare tutti sulla sua salute.


Dal caso alla fake
Il suo arrivo ha ovviamente richiesto l'adozione del protocollo di sicurezza del caso, destando alcuni sospetti. E come spesso accade, la notizia ha iniziato a circolare perdendo in pochi passaggi i suoi reali connotati, fino ad arrivare al ricovero di un cinese ammalato.
Una notizia diventata incontrollabile, che in queste ore fa il giro dei telefoni salentini, propagata sulle chat di Whatsapp. Nelle chat dei genitori infatti circolano ben due diversi audio, uno con voce maschile e l'altro con voce femminile in cui si mette in guardia dal recarsi al Vito Fazzi di Lecce dove «è stato ricoverato un cittadino cinese con tutti i sintomi del Coronavirus».

Inutile dire che il racconto sta facendo scalpore, anche perché - sempre stando all'audio - sarebbe "sicuro", in arrivo di prima mano dagli operatori in servizio al 118, che "starebbero allertando tutti". 
Dal Vito Fazzi hanno immediatamente smentito la notizia, una fake news bella e buona. Che nasce però da un fatto realmente accaduto e che ha a che fare con la psicosi da contagio che in queste ore colpisce a ogni latitudine.

Virus cinese, ricoverata a Bari donna che rientrava da Wuhan «Potrebbe essere dimessa in 48 ore»

  Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio, 21:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA