Aumentano gli affitti universitari: la stangata, 290 euro al mese per una stanza

Aumentano gli affitti universitari: la stangata, 290 euro al mese per una stanza
di Mattia CHETTA
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Novembre 2022, 05:00

Residenze universitarie carenti, posti letto insufficienti e affitti troppo cari. Fino al 25% in più rispetto al periodo pre-Covid. Così, dopo le province di Bari e Taranto, le difficoltà investono anche gli studenti fuori sede di UniSalento che devono fare i conti con il problema di non riuscire a trovare una casa a un prezzo ragionevole. Criticità legata al crollo dell’offerta ma anche all’aumento della domanda. 

Quanto costa

Poco o più di 290 euro al mese. Tanto spende, in media, una studentessa o uno studente solo per il canone mensile di affitto di una camera. Cifra che lievita se all’importo si aggiungono i costi di luce, gas, alimenti ed extra. Una carenza di offerta dovuta anche ad un altro fattore: la trasformazione di molte case in bad and breakfast. 
Sul fronte dell’offerta pubblica, invece, quest’anno 322 studenti (iscritti all’anno successivo al primo, fra triennale e magistrale) hanno ricevuto il via libera di Adisu per usufruire del posto letto (a fronte di 360 richieste); gli altri 57 risultano essere “idonei non assegnatario di posto letto”. La situazione peggiora se si esaminano le graduatorie riservate alle matricole: 72 assegnatari di posto letto a fronte di 338 domande pervenute all’ente mentre, per le magistrali, negli studentati ci entrano solo 24 su 74 studenti. 

Il potenziamento dei posti 

A potenziare il numero di posti alloggio delle case dello studente di Lecce potrebbe esserci presto l’hotel Zenit. Nei prossimi giorni, infatti, il Ministero per l’Università e la Ricerca scioglierà la riserva in merito alla candidatura di Adisu dell’immobile di via Adriatica, edificio che conta al suo interno 68 posti letto e candidato nell’ambito di un bando Pnrr, comunque non sufficiente per colmare le lacune. «Nel territorio di Lecce – dichiara Alessandro Carbone dell’esecutivo di Link Lecce – sono presenti cinque residenze universitarie ma, nonostante ciò, non tutti gli studenti riescono ad accedervi. I posti messi a disposizione da Adisu, 349 tra Lecce e limitrofi, non bastano a garantire una residenza a tutti i richiedenti. Gli studenti non assegnatari risultano essere quasi mille». 
«All’inizio dell’anno i tempi di assegnazione sono notevolmente lunghi e ciò causa disagio agli studenti richiedenti in quanto molti si vedono costretti a trovare un’altra soluzione da privati. Le soluzioni alternative alla residenza – continua ancora Carbone – sono economicamente rilevanti e non tutte le famiglie riescono a prendersene carico, e ciò costringe molti ad essere pendolari. La bolla speculativa sugli affitti – conclude Alessandro Carbone – e una ritrovata vita universitaria in presenza hanno aumentato esponenzialmente il prezzo degli affitti in città, con un rialzo di almeno il 25% e diminuito l’offerta degli stessi». Dopo diversi mesi di crisi dovuta alla pandemia – che aveva ridotto la domanda per le stanze in affitto agli universitari – il mercato sembra essere tornato ai livelli pre-Covid. Rispetto al 2021 non solo è aumentata la domanda per le stanze singole ma anche per i posti letto nelle stanze doppie. Inevitabile, dunque, il cortocircuito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA