Dal ministero della Cultura 5 milioni di euro per il restauro dell'ex Monastero degli Olivetani. Il progetto

Presentato nella mattinata di oggi, in rettorato, il progetto di valorizzazione integrata dell'ex complesso monumentale di proprietà dell'Università del Salento

Da sinistra: il senatore Roberto Marti, il rettore Fabio Pollice, la prorettrice Maria Antonietta Aiello e il professore Mariano Longo.
Da sinistra: il senatore Roberto Marti, il rettore Fabio Pollice, la prorettrice Maria Antonietta Aiello e il professore Mariano Longo.
di Mattia CHETTA
2 Minuti di Lettura
Lunedì 20 Maggio 2024, 15:12

Cinque milioni di euro dal ministero della Cultura per il restauro e la rifunzionalizzazione dell’ex monastero degli Olivetani a Lecce. Il progetto, per cui saranno necessari tre anni di lavoro, prevede la realizzazione di attività che, una volta a regime, faranno del complesso un grande hub culturale del Salento e che possano valorizzarlo anche dal punto di vista turistico. I dettagli sono stati resi noti nella mattinata di oggi in conferenza stampa alla quale hanno partecipato il senatore Roberto Marti, il rettore di UniSalento Fabio Pollice, la prorettrice Maria Antonietta Aiello e il professore Mariano Longo, direttore del Dipartimento di Scienze Umani e Sociali. 

Un lavoro che consentirà al pozzo a baldacchino, ai chiostri, porticati, agli archi, alle colonne a fusto liscio, balaustre e decorazioni varie, oggi deteriorate dagli agenti atmosferici, di tornare "a nuova vita" a distanza dell'ultimo restauro effettuato circa quarant'anni fa, quando il Comune di Lecce lo affidò all’allora Università di Lecce che lo restaurò destinandolo a centro culturale.

Edificato nella seconda metà del 1100 (per volontà del conte Tancredi d’Altavilla) e completato più avanti, nel Settecento, gli spazi del complesso negli ultimi decenni hanno accolto studenti, docenti ma anche ricercatori e aspiranti matricole, ospitando pure alcune sedute di laurea.

Oltre al restauro, sono previsti attività di rifunzionalizzazione, adeguamento degli impianti e consolidamento statico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA