Tredici nuove telecamere a Lecce: stretta sulla sicurezza

Tredici nuove telecamere a Lecce: stretta sulla sicurezza
4 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Aprile 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 09:14

«Siamo al lavoro non solo per le nuove 13 telecamere che aumenteranno la nostra capacità di video sorvegliare la città di Lecce, ma nelle prossime settimane sarà effettuato un upgrade tecnico del software che gestirà le camere installate in città». Ad annunciare una stretta sulla sicurezza a Lecce è il comandante della polizia municipale, Donato Zacheo. Il potenziamento degli impianti di videosorveglianz aè previsto entro giugno. «Il nuovo sistema operativo ci permetterà di aumentare la possibilità di riconoscere chi delinque e di gestire più semplicemente le immagini a nostra disposizione. È uno straordinario aggiornamento della nostra centrale operativa. Stiamo lavorando per ad un abbattimento dei costi di capitolato per aumentare il numero di  telecamere a nostra disposizione in città» spiega Zacheo. Una svolta tech nel Salento, dunque, contro la criminalità ma anche contro il bivacco, la sporcizia e il vandalismo in città. 

Movida sicura

Ma i controlli sul territorio saranno implementati anche attraverso il progetto “Movida Drug-Free” che ha dato i suoi primi frutti: «Nel corso del fine settimana appena trascorso - aggiunge il comandante - abbiamo identificato delle persone che deturpavano il nostro centro storico. Merito anche dell’attività delle pattuglie in borghese, che operano nelle piazze della movida, che hanno potuto intercettare e fermare sei persone che detenevano piccole quantità di sostanze stupefacenti. Lavoriamo per una movida più sicura, non solo nel centro storico, ma anche nelle altre piazze dove si sta sviluppando, come sotto la galleria nei pressi di piazza Mazzini o nell’area tra Porta Napoli e viale Taranto».

Lecce: l’altro centro storico, rischio degrado. «Più controlli nelle strade buie»

Fronte unico con i commercianti

Un’attività che può essere possibile solo attraverso la collaborazione dei titolari dei locali e di chi lavora nelle attività commerciali che ogni sera attraggono centinaia di persone attorno ai loro tavolini: «Il nostro lavoro da solo non basta, per fortuna non siamo soli, perché possiamo contare sulla collaborazione attiva dei gestori dei locali, che con noi combattono e cercano di educare anche i più piccoli. Un’altra delle nostre battaglie, infatti, è quella di arginare in fenomeno della somministrazione di alcolici ai minori - conclude il comandante Zacheo -. Prima dell’estate inizieremo l’attività di controllo e avvieremo un programma di prevenzione sulla guida sicura, che fa parte sempre del progetto con il quale cerchiamo di rendere più vivibili le vie del divertimento della città di Lecce».

Le vie

Dunque, una battaglia quindi su ogni fronte che rientra tra gli obiettivi anche dell’amministrazione Salvemini: «Le nuove telecamere che verranno installate a Porta San Biagio, via dei Perroni, via Federico d’Aragona, via degli Ammirati, via Ludovico Maremonti, via Ascanio Grandi, via del Palazzo dei Conti di Lecce, via Marco Basseo, via Paladini, via Cairoli, via Caracciolo, via Carlo Russi, via Giacomo Antonio Ferrari, via Santa Maria del Paradiso e via Giuseppe Libertini ci permetteranno di aumentare il livello di sicurezza in città - afferma il vice sindaco Sergio Signore -. Si tratta di un contributo importante, i nuovi occhi digitali saranno pronti entro giugno, vogliamo farci trovare pronti per l’arrivo dei turisti per garantire a chi sceglie Lecce per le sue vacanze e chi ci vive, il massimo della sicurezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA