Violenze prima della partita con la Roma, Daspo per altri tre ultras: lontani dallo stadio per cinque e otto anni

Mercoledì 23 Ottobre 2019
Assaltarono un taxi che trasportava alcuni tifosi romanisti allo stadio di Via del Mare, a Lecce, poco prima del match di campionato di serie A, Lecce-Roma. Per questo, dopo arresto e Daspo nei confronti di un 22enne ultras, la Divisione anticrimine della Polizia di Stato ha disposto altri tre Daspo nei confronti di D.M.G, 24 anni, di Lecce; F.S., 26 anni di Melendugno e N.G, 19enne di Avetrana. 

Assalto ultras ai tifosi della Roma, arrestato un 22enne: «Tanta violenza nonostante ci fossero famiglie e bambini»

Assalto ai tifosi romanisti, condanna per direttissima al 22enne ultrà: due anni lontano dallo stadio


Il 24enne e il 19enne dovranno stare lontani dalle partite del Lecce per 5 anni, mentre il 26enne per 8 anni poiché già destinatario, in passato, di analogo provvedimento.

Cosa accadde? Prima dell’inizio dell’incontro di calcio valevole per il campionato di serie A, Lecce – Roma, del 29 settembre scorso, un gruppo di circa un centinaio di tifosi, riconducibili a sodalizi ultras del Lecce, tutti travisati e armati di bastoni, all'altezza della rotatoria tra via Leo, via Roma e viale della Libertà, hanno assaltato un taxi con a bordo tifosi romanisti diretti allo stadio, lanciando bottiglie e sassi.

Una volta allontanatosi il mezzo, alcuni di loro indirizzavano il lancio di bottiglie nei confronti degli agenti di polizia, per poi dileguarsi verso via Leo; tra questi D.M. G., N. G. e F. S. che, indentificati, sono stati denunciati in stato di libertà e, per gli stessi fatti, destinatari dei provvedimenti Daspo emessi dal Questore, con l’obbligo di presentazione in un ufficio o comando di polizia, in occasione delle partite del Lecce. © RIPRODUZIONE RISERVATA