Lecce, nella zona industriale spunta un uovo gigante

LECCE - Un uovo "cosmico" dalle dimensioni giganti fa bella mostra di sé all'interno di una rotatoria della zona industriale di Lecce. Il nido che lo contiene è fatto di fili di ferro intrecciati e altri materiali di riuso ritrovati nell'area.
L'opera è di Dario Giancane e Marina Catalano ed è stata realizzata durante la residenza artistica che si è svolta  dal 22 al 28 ottobre proprio nel comparto artigianale/industriale tra Lecce e Surbo, luogo dove la produttività inciampa spesso e volentieri nelll'archeologia industriale e nelle tracce della desertificazione dei primi 2000.
 
La residenza artistica, curata da Francesco Buonerba e Nicoletta Guglielmucci di WONDERLUST#rome, rientra nell'ambito del programma “Industrial Therapy”, laboratorio per scultori, writers, ricercatori, fotografi, urbanisti e creativi che ha come obiettivo quello di indagare la dimensione spaziale della zona industriale con programmi annuali di residenza ha avuto come scopo studiare ed intervenire sulle criticità di questo tessuto urbano, far evolvere la percezione della zona industriale e renderla fruibile attraverso l’arte con interventi che abbraccino l’intero spettro delle espressioni artistiche contemporanee immaginando un vero e proprio metodo di riqualificazione e rigenerazione urbana che caratterizzi una zona della città considerata marginale e di passaggio.
(Info: www.industrialterapy.it)
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 8 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:35