Lecce, nessuna certezza sui pass falsi: archiviata l'inchiesta sull'ex assessore Messuti

Martedì 3 Dicembre 2019 di Erasmo MARINAZZO
Archiviata l'inchiesta che vedeva indagati l'ex assessore ai Lavori pubblici della Giunta Perrone, l'avvocato Gaetano Messuti, e il suo collaboratore e dipendente Sgm Vito Baglivi. Ricettazione e falso materiale i reati contestati nel 2012 nell'inchiesta condotta dal pubblico ministero Carmen Ruggiero, inchiesta che riguardava il pass ritrovato da un ausiliario del traffico sul cruscotto della Mercedes dell'allora assessore parcheggiata in via Costa, a Lecce.

“Falsi” pass per parcheggiare l'auto fuori dallo stadio: i vigili scovano 70 furbetti
Pass Ztl falsi o scaduti: per stanare i furbi arriva "Street control". Ecco come funzionerà

Quel pass venne poi sequestrato dal nucleo di Polizia giudiziaria della Municipale di Lecce. Durante le indagini, la Procura ha consultato un esperto che, pur confermando il dubbio sull'autenticità del pass, non ha fornito però alcuna certezza. Così come, il direttore di Sgm, Ugo Guacci, ascoltato dalla pm ha riferito di ritenere che il pass fosse usurato, non falso. Messuti, del resto, per il suo ruolo di assessore, aveva diritto a un pass per la sosta gratuita, come da deliberazione della Giunta. Pass che, con analoga deliberazione, venne poi invalidato. 
L'ex amministratore comunale era difeso dagli avvocati Pasquale e Giuseppe Corleto.  Ultimo aggiornamento: 18:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA