Ex Agip, il progetto della storica stazione di servizio va in giunta: un milione di euro dal Pnrr per la riqualificazione

Il progetto dell'ex Agip
Il progetto dell'ex Agip
di Stefania DE CESARE
4 Minuti di Lettura
Domenica 4 Settembre 2022, 09:53 - Ultimo aggiornamento: 5 Settembre, 22:51

Il progetto della storica stazione di servizio ex Agip va in giunta: un milione di euro dal Pnrr per la riqualificazione. Un info point per i turisti (con posti auto riservati e stalli per bici e monopattini) e un luogo di sosta e svago per leccesi e visitatori. Da contorno, iniziative culturali, proiezioni, letture ed eventi. Di giorno e di sera.
Passi in avanti verso la riqualificazione dell'ex Agip. La rinascita della storica stazione di rifornimento, attesa da anni, passerà attraverso i fondi del Pnrr. Un milione a disposizione del Comune per trasformare l'immobile in un punto di riferimento per salentini e vacanzieri. L'annuncio della rinascita dell'ex Agip era stato dato dal sindaco Carlo Salvemini proprio sul finire del 2021.

Il progetto approda in giunta

Adesso il progetto di recupero architettonico e degli spazi di contorno è pronto ad approdare in giunta per la deliberazione (forse già la prossima settimana).
Secondo l'idea progettuale il chiosco all'ombra dell'Obelisco, ubicato su uno dei viali che costeggia le mura cinquecentesche, vicino l'ingresso della città storica, dovrebbe diventare un luogo per l'accoglienza turistica. Ma il Comune aspira a farne qualcosa di più. Uno spazio culturale e conviviale, rivolto sia ai vacanzieri ma anche ai leccesi per favorire la comunicazione e la cultura. Una rinascita per lo storico immobile progettato nel 1952 dall'architetto e urbanista Mario Bacciocchi che, su commissione dell'allora numero uno di Eni Enrico Mattei, progettò una serie di chioschi Agip disseminati sul territorio nazionale. Tra cui proprio quello leccese, che rimase in servizio fino al 2005. Nel 2014 fu scelto e rimesso a nuovo (per esigenze di scena) dal regista Ferzan Ozpetek come set per ambientare uno dei suoi film made in Salento Allacciate le cinture.

 

I tentativi precedenti


In passato non sono mancati i tentativi per rimettere a nuovo il distributore tramite bandi pubblici. Lo stesso registra turco, insieme ad una cordata di imprenditori, aveva cercato di trasformare la stazione di servizio in lounge bar. Operazione poi sfumata.
A oggi l'ex Agip risulta dismessa e abbandonata.

L'idea dell'architetto Mantovano

Il recupero della struttura, quindi, passerà tramite il Pnrr. Il progetto, firmato dall'architetto Andrea Mantovano e approvato dal settore Lavori pubblici, guidato dall'assessore Marco Nuzzaci, prevede la realizzazione di uno spazio attrezzato per la lettura, proiezioni e conversazioni culturali. I turisti che arriveranno a Lecce troveranno un info point a cui rivolgersi per documentarsi su tutto ciò che la città può offrire. Gli ospiti più assidui, invece, potranno utilizzare, la sede come punto di lavoro, studio o svago, utilizzando anche una serie di servizi come wi-fi, tablet, postazioni di ricarica. Prima, però, bisognerà rimettere completamente a nuovo l'immobile. Tanti gli interventi da realizzare con il budget a disposizione (un milione di euro). Si dovrà procedere, tra le altre cose, con una bonifica ambientale, sostituzione di tutti gli infissi, restauro dei prospetti, ricostruzione di pareti, bagni, pavimenti e dell'impianto elettrico. In ultimo l'installazione ex novo di un impianto di videosorveglianza. Ma è l'esterno il punto di forza. Lo spazio sarà concepito come un luogo per un pit stop, un'area attrezzata per le pause e la sosta anche prolungata con la presenza di attività culturali e di animazione. Un luogo pensato per essere vissuto anche di sera. Per questo sarà disposta una scia luminosa che riprende la forma della copertura. Prevista, anche, la sistemazione del parcheggio riservato lungo il bordo della strada. Si punta, poi, a organizzare lo spazio e la viabilità di contorno, al fine di agevolare il flusso di traffico, organizzando un'area dedicata alla sosta differenziata (bici, scooter, auto). Sarà realizzato un impianto di irrigazione con aiuole, spazio verde, piante, arredi e sedute. Per gli allestimenti interni saranno utilizzati materiali e forme che evocano l'epoca di costruzione della stazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA