Movida sotto la lente della Polizia: 14 multe in città. «Persone poco inclini a farsi controllare»

Venerdì 29 Maggio 2020
Quattordici multe per aver violato il divieto di assembramento. Sono state elevate ieri dalla Polizia di Stato, nell'ambito dei controlli sul rispetto delle misure di distanziamento sociale per il contrasto alla diffusione del virus Covid-19.

Anche per la serata di ieri, infatti, il questore di Lecce Andrea Valentino ha disposto dei servizi straordinari, a Lecce e provincia, che vede coinvolte sinergicamente Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale. La Polizia di Stato, ha controllato, in città ed in provincia, 228 persone e 34 attività commerciali.  

Catena umana di ristoratori e gestori b&b: «Subito aiuti o è la fine». E all'Inps consegnano le buste paga dei dipendenti: da due mesi in attesa di Cigs
Movida e assembramenti: prima multa a sette ragazzi

Si è avuto modo di constatare l’osservanza della recente normativa, D.P.C.M. e ordinanza della Regione Puglia, da parte delle diverse attività commerciali controllate. Ma è invece emerso un approccio meno corretto ai dettami della legge per quanto riguarda le persone.

Infatti, in Corte dei Chiaromonte, a Lecce, era stata segnalata la presenza di un rumoroso assembramento. Qui, nei pressi di un circolo privato, «sostavano una cinquantina di persone - spiegano dalla questura - alcune delle quali prive della mascherina, irrispettose del distanziamento sociale imposto dalle norme governative e, soprattutto, poco inclini ad essere controllati». Quattordici tra questi saranno sanzionati per aver violato il divieto di assembramento. Ultimo aggiornamento: 17:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA