Ma i leccesi dormono troppo? Un giornale giapponese: attenti, con la siesta chiudono tutte le chiese

Ma i leccesi dormono troppo? Un giornale giapponese: attenti, con la siesta chiudono tutte le chiese
«Non importa quante volte tu ci vada per visitarla, non è mai aperta. Cos’è questa misteriosa chiesa di Lecce?». A chiederselo è la rivista “Crea Traveller”, un importante magazine giapponese specializzato in viaggi e turismo che nel suo ultimo numero dedica un servizio particolare alla chiesa di San Matteo, uno dei tanti monumenti religiosi della città «stupendo ma chiuso al pubblico».
All’interno dello speciale “Estate 2018” il mensile si occupa di mostrare ai turisti giapponesi le bellezze del Sud Italia, con articoli e foto che accompagnano il lettore alla scoperte dei segreti e dei tesori dei borghi italiani.

Tra questi non poteva mancare Lecce, “Il bellissimo paradiso barocco”, così ribattezzato dal magazine che accende i riflettori sulle meraviglie del centro storico salentino. Tra queste spicca una chiesa «bellissima ma misteriosa perché chiusa al pubblico» e al centro dello scatto che accompagna l’articolo troviamo la chiesa barocca di San Matteo.
Il travel blogger racconta alcune esperienze di viaggiatori: «Ho sentito dire che l'interno è stupendo – si legge nel testo - ma anche che se provi a tornare più volte al giorno la chiesa è sempre chiusa. E se chiedi informazioni ti rispondono che aprirà presto, forse». Nell’articolo si fa rifermento alle chiusure pomeridiane di tutti i monumenti religiosi della città. La rivista, infatti, mette in guardia i turisti giapponesi: negli orari della “siesta” non si può accedere ai siti religiosi: «E non solo San Matteo, gran parte delle chiese a Lecce sono spesso chiuse per alcune ore. Per favore fai attenzione». Una delle poche occasioni in cui si può accedere all’interno è durante le festività pasquali dove «c’è sempre così tanta gente che sembra capodanno».

All’interno del numero di giugno, spazio anche a servizi sulla costa salentina e alle bellezze pugliesi di Ostuni e Ceglie Messapica.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 22 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 20:12