Campetti da basket, padel o pallavolo? La scelta ai cittadini: si vota on line

Il campo da tennis al rione Stadio
Il campo da tennis al rione Stadio
di Matteo BOTTAZZO
4 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Novembre 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 13:59

Dopo anni di degrado e stato d’abbandono l’obiettivo è quello di tornare a far rotolare il pallone nei campetti. O qualcosa di simile. Con un sondaggio online: basket, padel o pallavolo. Nessuno sogna uno degli impianti faraonici che stanno ospitando in questo momento il mondiale arabo, ma i residenti della città di Lecce sarebbero felici di poter tornare a godere di luoghi idonei dove poter praticare dello sport all’aria aperta. 
Un progetto che non sembra essere poi così lontano dalla realtà, visto che grazie a Officine Mezzogiorno che prevede la realizzazione di spazi tematici dedicati all’innovazione sociale, tutto ciò potrebbe compiersi presto.

I due hub

A breve, tra l’altro, nel parco della Chiesetta Balsamo nascerà un hub dedicato proprio allo sport e nell’immobile storico Scipione Ammirato, invece, ci sarà un Hub dedicato al cibo e alla corretta alimentazione. Inoltre ci sarà anche la possibilità di riportare a nuova vita alcuni campi sportivi del capoluogo barocco. I quattro campi presenti nella progettualità prevista dal Comune sono: quello di piazzetta Madonna di Medjugorje, il secondo è il campo di calcetto di Parco Baden Powell di Borgo San Nicola, un altro campo di calcio a cinque a Borgo Pace in via Giudiuli e il campo da tennis nel quartiere Stadio di piazzale Pesaro. Questo progetto di rigenerazione urban, però, non vedrà come protagonista la politica e gli uffici del Comune, dove in passato venivano scelti i progetti e poi silentemente realizzati, questa volta la fase progettuale passa dalle piazze e dai cittadini che hanno visto cadere in disgrazia quei campetti e che da tempo sognano il loro ripristino. Per questo gli assessori del Comune nei prossimi fine settimana andranno nei quartieri interessati per sottoporre ai residenti i questionari e individuare, insieme, quella che potrà essere la migliore soluzione possibile. 

L'assessore Foresio: «Entusiasti»

«Non possiamo che essere entusiasti per aver ottenuto questo finanziamento che ci permetterà di riqualificare diversi luoghi della città e offrire dei nuovi servizi. Abbiamo scelto anche di avviare un progetto di coinvolgimento dei cittadini una campagna d’ascolto per decidere cosa fare - spiega l’assessore Paolo Foresio -. Il primo step è quello della compilazione di un questionario in cui i residenti dei quartieri ci possono indicare quelle che sono le loro idee. Una volta raccolte tireremo una linea, e sempre insieme a loro, decideremo il da farsi. Il nostro obiettivo è realizzare piccoli campi di quartiere che saranno condivisi con la comunità residente, che dopo il coinvolgimento sarà sicuramente resa partecipe della gestione e della manutenzione delle nuove strutture che verranno realizzate, affinché possa essere scongiurato l’inutilizzo delle aree sportive e il conseguente rischio del vandalismo; vorremmo che possano diventare, nel più breve tempo possibile, dei luoghi di aggregazione e di riferimento per queste zone della città».

Il questionario e il sondaggio online

Non solo un questionario cartaceo ma anche uno online dove tutti possono interagire: tra le scelte ci sono playground da basket, il campo da calcetto o pallavolo oppure l’opzione di poter realizzare aree attrezzate per gli esercizi a corpo libero, ma tra le opzioni libere c’è anche la crescente richiesta di un campo da padel comunale, dove poter praticare uno degli sport più in voga di questo momento, così come emerso nel corso del primo incontro nel quartiere Salesiani. La speranza di tutti è che tra le possibilità, che poi verranno selezionate, ci siano delle opere che abbiano bisogno di pochi interventi di manutenzione nel tempo e che possano essere liberamente fruibili degli amanti dello sport e non solo di questi quartieri periferici che per troppo tempo hanno dovuto assistere a un triste scenario di abbandono e degrado.

© RIPRODUZIONE RISERVATA