Assolto: «Innocente» dopo 9 anni di processo e 7 mesi di carcere

Assolto: «Innocente» dopo 9 anni di processo e 7 mesi di carcere
Un iter giudiziario durato nove anni. E come se non bastasse, sette mesi trascorsi in carcere. In attesa di un verdetto che ne riconoscesse l’innocenza. Quel verdetto - definitivo, inappellabile - è arrivato nei giorni scorsi, al quinto grado di giudizio, con la Corte di Cassazione che ha annullato (senza rinvio, questa volta) la condanna a quattro anni di reclusione inflitta a Dario Vantaggiato, 36enne di Lizzanello, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. E lo ha assolto perché il fatto non costituisce reato. A dargli la notizia è stato il suo legale, l’avvocato Sabrina Conte. E lui, pur accogliendola con sollievo, è stato sopraffatto dall’emozione, logorato da un iter giudiziario lunghissimo e difficile.
Vantaggiato era stato arrestato nel marzo del 2009. I carabinieri della compagnia di Maglie misero le mani su un grosso quantitativo di eroina - oltre un chilo - nascosto in una cisterna presso l’abitazione di Vantaggiato, dove si erano recati dopo aver arrestato il fratello Luca per un modesto quantitativo di droga trovato a casa dei genitori. Abitazione - quella di Dario - della quale però lo stesso Luca aveva le chiavi.
Nonostante ciò il 36enne finì in carcere. E vi rimase sette mesi. Un periodo lungo e duro, durante il quale insieme con l’avvocato Conte ha dato il via alla sua battaglia giudiziaria per vedersi riconosciuta la sua innocenza. Tutto inutile: in primo grado Vantaggiato era stato condannato a quattro anni, e gli era stata contestata anche l’aggravante dell’ingente quantitativo. In appello, pur cadendo l’aggravante, la pena era rimasta la stessa: quattro anni. Un primo ricorso alla Corte di Cassazione ha permesso di ridare speranza al giovane. I giudici avevano annullato la condanna, rilevando l’incoerenza e l’illogicità del verdetto di secondo grado, e riconoscendo come credibile la ricostruzione dell’imputato, che aveva raccontato di aver anzi aiutato il fratello Luca a disintossicarsi, accompagnandolo più volte anche al Sert. La sentenza, dunque, era stata annullata e rinviata alla Corte d’Appello di Taranto. Ma anche qui il verdetto era stato infausto: nel nuovo giudizio di secondo grado il Tribunale aveva confermato i quattro anni di reclusione.
 
L’ultimo ricorso in Cassazione ha dato i risultati sperati all’imputato: la sentenza è stata annullata senza rinvio. Un respiro di sollievo per Dario Vantaggiato, a distanza di nove anni da quell’infausto blitz dei carabinieri che indubbiamente gli ha cambiato la vita.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 11 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 20:24