Anziano sorpreso a rubare cibo per gatti. «Era per sfamarli»

Giovedì 25 Febbraio 2021 di Katia PERRONE

Fermo davanti agli scaffali del supermercato forse si sarà sentito perso, indeciso su cosa acquistare. Se prendere tutto e portare il cibo per quei gatti che nel suo quartiere, a Lecce, accudisce da tempo, oppure lasciare tutto e tornare a casa a mani vuote senza poter sfamare i suoi “compagni di avventura”. Quei piccoli e dolci felini che, tra un miagolio e le fusa, sono forse gli unici amici capaci di colmare gli attimi di solitudine. Mario - così lo chiameremo scegliendo per lui un nome di fantasia - era all’interno del supermercato, con pochi spiccioli nel palmo della mano e il cuore diviso a metà.

In 85 anni forse non aveva mai preso nulla senza pagare e in quel momento appropriarsi di qualcosa senza saldare il dovuto gli sarà sembrato il più efferato dei crimini. Eppure ha preso coraggio, si è diretto al banco frigo, ha preso una confezione di wurstel e poi, con passo stanco e incerto, si è diretto verso gli scaffali dedicati ai prodotti per animali. E’ lì, proprio in quel momento, che forse si è accorto di aver fatto male i conti. E che quello che aveva in mente di acquistare costava più di quanto avesse immaginato e che le poche monete che aveva nel portafogli, appena 2 euro e 50 centesimi, non sarebbero state sufficienti. Ed allora li avrà immaginati già lì in attesa quei gatti randagi, davanti alla sua porta. Così dopo qualche esitazione ha preso qualche scatoletta di carne per gatti, l’ha messa nelle tasche e, pensando di eludere i controlli, si è diretto verso la cassa del supermercato. Lo stesso dove ci era entrato altre volte, non tanto lontano da casa, in zona Settelacquare.
Dei cassieri che avevano notato i suoi movimenti, però, Mario non se ne era affatto reso conto. E quando gli hanno chiesto cosa avesse preso e di saldare il conto di 5 euro è trasalito e, ormai scoperto, Mario non ha potuto far altro che tirare fuori dalle tasche il cibo per sfamare i suoi felini e riporlo sulla cassa. 
Un gesto di una dolcezza infinita, il suo, che poteva costargli come minimo una denuncia. Che vergogna alla sua veneranda età, avrà pensato. Il titolare del supermercato ha preso il telefono e ha chiamato i carabinieri. Una pattuglia della stazione di Lecce centrale è arrivata in poco tempo. Subito i militari dell’Arma si sono resi conto che quel vecchietto così intimorito non aveva commesso nessun reato grave. Gli hanno chiesto di raccontare cosa fosse accaduto e del perché si fosse appropriato di quella merce che non avrebbe potuto pagare. 
Era il pasto per i gattini che accudisce da tempo ormai. Ai carabinieri, colpiti dal racconto, è sembrato naturale saldare il conto al posto suo e poi vederlo pian piano allontanarsi verso casa. Con il cibo per quei gattini randagi nella borsa della spesa.

Ultimo aggiornamento: 20:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA