Caporalato e sfruttamento del lavoro: più del 75% delle aziende non è regolare nel Salento

Caporalato e sfruttamento del lavoro: più del 75% delle aziende non è regolare nel Salento
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 14:02 - Ultimo aggiornamento: 20:07

Su 43 aziende controllate 35 sono risultate non a norma con la normativa in materia di rapporti di lavoro e legislazione sociale. È quanto è stato accertato nel corso di una vasta operazione di controllo disposta dall'Ispettorato territoriale del Lavoro nell'ambito del progetto multi-agenzia Supreme, contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in provincia di Lecce.

Gli ispettori nei campi d'angurie e nei vigneti

L'attività di vigilanza straordinaria, svolta nell'arco di 2 settimane (dal 20 giugno 2022 al 3 luglio 2022) ha riguardato campi di angurie, lavorazioni di sfrondatura di vigneti, raccolta di vari ortaggi, nonchè aziende zootecniche e agrituristiche. Nel corso degli accertamenti sono state controllate le posizioni lavorative di 176 lavoratori, di cui 56 provenienti da Paesi extra-UE, riscontrando, in particolare, violazioni in materia di orario di lavoro e di sicurezza nei luoghi di lavoro riferite a 70 lavoratori. Sono stati emanati tre provvedimenti di sospensione dell'attività imprenditoriale nei confronti di altrettante aziende per la presenza accertata di 8 lavoratori completamente «in nero».

© RIPRODUZIONE RISERVATA