Lavori di efficientamento energetico certificati, mai effettuati: due imprenditori sotto inchiesta

Lavori di efficientamento energetico certificati, mai effettuati: due imprenditori sotto inchiesta
di Andrea TAFURO
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Novembre 2022, 14:04 - Ultimo aggiornamento: 17:52

Dichiarazioni false di lavori di efficientamento energetico effettuati in 8 comuni, tra cui 5 in Salento, per intascare un finanziamento di quasi 800mila euro. A seguito delle indagini della Guardia di Finanza, coordinata dalla pm Simona Rizzo, sono finiti sotto inchiesta, Pantaleo Caputo, 61enne di Nardò, amministratore e socio unico della “Costruzioni Generali” e Pierantonio Fiorentino, 46enne di Galatina, legale rappresentante della “Efficienza Energia spa”, società di consulenza della “Costruzioni Generali srl”.

I lavori mai effettuati


Secondo l’attività condotta dai militari, le società avrebbero predisposto un piano per inviare la documentazione al G.S.E. (Gestore dei Servizi Energetici) per dichiarare falsamente di avere effettuato i lavori di efficientamento energetico in progetti riguardanti i comuni di Casarano, Veglie, Miggiano, Corsano, Massafra, Castrì di Lecce, Ceprano (in provincia di Frosinone) e Matera, e inoltre per verificare e certificare secondo legge i risparmi energetici conseguiti. Il tutto avrebbe quindi consentito di ottenere un finanziamento di 794mila e 397 euro, in danno a “Servizi Energetici Ambientali” che aveva erogato il contributo.


Per quanto riguarda i due indagati: Caputo è assistito dagli avvocati Luigi Covella e Vincenzo Albertone, Fiorentino, invece dai legali Alexia Pinto e Marco Luceri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA