Inchiesta su falsi braccianti: 319 indagati, sequestrati 500mila euro

Inchiesta su falsi braccianti: 319 indagati, sequestrati 500mila euro
2 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 13:41 - Ultimo aggiornamento: 21:56

Il solito meccanismo: finti contratti per falsi braccianti per ottenere benefici Inps come disoccupazione e indennità varie. L'inchiesta, del 2013, è sfociata nei giorni scorsi in un decreto di sequestro: 500mila euro in totale, non ancor erogati dall'Inps e rimasti quindi in possesso dell'Istituto di previdenza, per evitare che il presunto raggiro possa compiersi. 

L'indagato principale 

L'indagato principale è un volto noto, Santino Franco, 69 anni, di Copertino, difeso dall'avvocato Anna Inguscio. Ma nell'elenco ci sono complessivamente 319 persone. Il decreto di sequestro è stato emesso dal gip Simona Panzera ed eseguito dalla Finanza. Il reato ipotizzato è la tentata truffa in danno dell'Inps, con particolare riferimento a quanto avvenuto nel 2021. 

L'inchiesta

L'inchiesta, in generale, si è occupata del giro di assunzioni ritenute fittizie. Ma c'è anche un risvolto che riguarda la locazione, anche questa ritenuta non veritiera, di fondi agricoli, sì da poter giustificare il numero di impiegati. Le ricostruzioni sono state complesse, ed eseguite anche attraverso le mappe satellitari. Dai riscontri reali, sarebbe invece emerso che il numero di braccianti realmente impiegato non superava le 10 unità. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA